La Comunicazione sociale relazione e umanizzazione in un mondo digitale

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

IN QUESTO NUMERO

 

IN PRIMO PIANO

  • La Comunicazione sociale relazione e umanizzazione in un mondo digitale

 

NOTIZIE DIOCESIPA

  • Giovani dalla A alla Z 100 parole, appunti di viaggio dal Sinodo
  • “Gesù vive nei giovani”, l’Arcivescovo incontra i giovani del V Vicariato

 

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

  • Eletti i Definitori Provinciali dei Frati Minori di Sicilia per il triennio 2019/2022
  • La Parrocchia di Maria Santissima Addolorata di Aspra celebra i 90 anni della erezione canonica
  • “Quali attenzioni dello Stato per le dipendenze”

 

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

  • Tutti insieme per i tanti Paul
  • Associazione cattolica operatori sanitari chiusura attività annuali
  • Sul Tgweb si parla di dipendenze

_________________________________________________

IN PRIMO PIANO

1. La Comunicazione sociale relazione e umanizzazione in un mondo digitale

“Ricordiamoci che siamo membra di un unico corpo. Da ciò deriva la fatica di comunicare non da soli, ma sempre proiettati verso gli altri e per la costruzione del bene comune. Il vostro lavoro è principalmente missione che porta a spendervi attraverso tutti gli strumenti della comunicazione post-moderna. Il principale compito della Chiesa è quello di essere aperta al mondo nella grande difficoltà di mettere insieme verità e libertà. La nostra libertà incontra sempre il volto dell’altro. La storia si muove verso la liberazione e questo è il cuore della storia del cristianesimo. La verità nel cristianesimo non è mai una astrazione, ma è il Cristo e la relazione che lui pone con gli altri. Verità allora è soprattutto relazione di accoglienza autentica dell’altro nel segno della condivisione”.

E’ quanto affermato dall’arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, nel suo intervento nella sede dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia in occasione della 53a Giornata delle comunicazioni sociali, sul tema “Siamo membra gli uni degli altri”.

Tra i relatori, Giulio Francese, presidente dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, don Fortunato Di Noto, fondatore dell’Associazione Meter, Giuseppe Rizzuto, segretario provinciale Assostampa, Michelangelo Nasca, presidente Ucsi Palermo, Domenico Interdonato, presidente Ucsi Sicilia, rappresentata anche dal consigliere nazionale Salvatore Di Salvo. A introdurre e coordinare i lavori Pino Grasso, direttore ufficio comunicazioni sociali. Durante la giornata, gli interventi sono stati seguiti in diretta streaming a beneficio dei colleghi di Messina e Siracusa.

Don Fortunato Di Noto ha evidenziato come Internet abbia “cambiato le storie degli uomini e della società. Percepisco che questo mondo sta letteralmente cambiando l’uomo, anche sul piano della fede. Sean Parker, tra i fondatori di Facebook, diceva che noi abbiamo una grande responsabilità che non abbiamo capito prima. Non abbiamo compreso cosa sta modificando nei cervelli dei bambini il mondo digitale”.

Giulio Francese ha focalizzato l’attenzione «su tanti spunti di riflessione, anche preoccupanti. “Il Santo Padre è un grande comunicatore e ha spesso parlato del nostro ruolo, in un periodo in cui la stampa è oggetto di intimidazioni, in alcuni casi attentati, di querele temerarie. Il Papa ha più volte sottolineato la nostra responsabilità, è quello che proviamo a fare anche attraverso corsi come questi di fronte alle foto dei nove giornalisti siciliani uccisi. Noi giornalisti ci sentiamo ancora custodi della notizia? Il Santo Padre ci ha detto che svolgiamo non solo un mestiere, ma anche una missione”.

Il concetto di verità ha avuto la sua centralità nell’intervento di Giuseppe Rizzuto, segretario provinciale Assostampa: «I principi della professione giornalistica vengono ripresi dalla lettera del Papa. Sa di cosa parla, richiama il Vangelo, “siamo membra gli uni degli altri”. Dice cose comprensibili anche ai non cattolici. Il nostro Ordine prevede la collaborazione gli uni con gli altri. I nostri orientamenti deontologici spesso coincidono con quanto afferma a riguardo la Chiesa”.

Al termine si è svolta la cerimonia di premiazione del Concorso fotografico: “La Settimana Santa a Palermo”. La foto raffigurante due anziani in processione della Parrocchia “San Giovanni Maria Vianney – Curato d’Ars di Andrea Rera si è aggiudicato il 1° premio del Concorso fotografico: “La Settimana Santa a Palermo”. Al secondo posto la foto della Via Crucis del gruppo Giovanni Paolo II di Partanna di Nuccio La Mantia e al 3° la foto della Processione del Cristo Morto e di Maria SS. Addolorata della confraternita Maria SS. dei Sette Dolori alla Guilla” di Giovanni Nicolosi.

NOTIZIE DIOCESIPA

1. Giovani dalla A alla Z 100 parole, appunti di viaggio dal Sinodo

Le “parole” del Sinodo dei giovani. Dallo strumento di lavoro, al documento finale, all’esortazione “Christus vivit”. Le parole su cui il sinodo ci dona di riflettere come luogo di incontro tra giovani, genitori, docenti, educatori. Incontro rivolto ai giovani, ai genitori, ai docenti, agli educatori. Catechesi e Presentazione del libro con don Antonio Mancuso, Fabio Pace, Rosa Maria Mazara e Rocco Chinnici. Saluti istituzionali consigliere Giulio Cusumano. Moderatore: don Massimiliano Lo Chirco. “Conversione”, “Lavoro”, “Legalità”.

Sabato 1 giugno ore 16 Palazzo delle Aquile, Sala delle lapidi, Piazza Pretoria, Palermo.

Catechesi itinerante sulle parole del Sinodo dei Giovani organizzato dal Servizio di Pastorale Giovanile e dal Centro Diocesano Vocazioni dell’Arcidiocesi di Palermo.

Seguici su: https://www.facebook.com/giovanidallaAallaZ/

e su: https://www.facebook.com/SDPGPalermo/

info su: www.wecanhope.it

 2. “Gesù vive nei giovani”, l’Arcivescovo incontra i giovani del V Vicariato

Un grande striscione con la scritta “Gesù vive nei giovani” che campeggiava sul sagrato del Santuario Mariano di Altavilla Milicia ha accolto i giovani del V vicariato che si sono incontrati con l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice, nell’ambito del programma annuale organizzato dal Servizio Pastorale giovanile, diretto da don Giuseppe Calderone.

Canti, ascolto del Vangelo, preghiera, fraternità, agape e condivisione sono stati gli ingredienti dell’incontro di centinaia di giovani accompagnati da diversi parroci, con don Corrado che ha risposto alle tante domande che gli sono state rivolte.

L’ultimo incontro dell’anno per i giovani del VI vicariato si svolgerà il 6 giugno 2019.

 

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

1. Eletti i Definitori Provinciali dei Frati Minori di Sicilia per il triennio 2019/2022

I Frati Minori di Sicilia, riuniti in Capitolo Provinciale presso l’Oasi Francescana “Madonnina del Lago” di Pergusa (En), hanno eletto i Definitori Provinciali per il triennio 2019/2022.

Si tratta di Frate Domenico Mandanici, Frate Alfio Lanfranco, Frate Antonio Iacona e Frate Marcello Buscemi.

Fra Domenico Mandanici è nato il 18 settembre 1973 a Barcellona Pozzo di Gotto (ME), diocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela. Il  16 settembre del 2000 è stato ammesso all’anno canonico del Noviziato che ha trascorso a Fontecolombo (Rieti), casa del Noviziato Interprovinciale. Il 17 settembre 2001 ha emesso la Professione temporanea dei Consigli Evangelici e il 29 settembre 2007 ha emesso la Professione Solenne.  Nell’Ordine ha ricoperto i seguenti incarichi: Delegato della Fraternità Contemplativa in Missione; Vice-maestro dei Novizi; Maestro dei Postulanti; Segretario del Segretariato per la Formazione e gli Studi; Definitore Provinciale.

Fra Alfio Lanfranco è nato il 21 dicembre 1976 a San Fratello (Me), diocesi di Patti. Il  17 settembre del 1998 è stato ammesso all’anno canonico del Noviziato che ha trascorso a Ispica (Rg). Il 10 settembre 1999 ha emesso la Professione temporanea dei Consigli Evangelici e il 3 gennaio 2005 ha emesso la Professione Solenne. Riceve l’Ordine del Presbiterato a Monreale il 6 maggio del 2006 per l’imposizione delle mani e la preghiera di Ordinazione di Sua Ecc.za Rev.ma Mons. Cataldo Naro. Nell’Ordine ha ricoperto i seguenti incarichi: Guardiano dei Conventi S. Maria degli Angeli “La Gancia” in Palermo, S. Antonio in Barcellona (Me) e S. Papino in Milazzo (Me); Rettore della chiesa S. Maria degli Angeli “La Gancia” in Palermo; Responsabile Provinciale della Pastorale Giovanile; Vice Moderatore per la Formazione Permanente; Vice Animatore Vocazionale Provinciale; Segretario del XXIII Capitolo Provinciale;

Responsabile Under Five; Definitore Provinciale; Moderatore per la Formazione Permanente.

Fra Antonio Iacona è nato l’8 agosto 1984 a Ravanusa (Ag), diocesi di Agrigento. Il  14 settembre del 2006 è stato ammesso all’anno canonico del Noviziato che ha trascorso a Fontecolombo (Rieti), casa del Noviziato Interprovinciale. L’8 settembre 2007 ha emesso la Professione temporanea dei Consigli Evangelici nella chiesa di S. Antonino in Palermo. Il 16 settembre 2012 ha emesso la Professione Solenne. Nell’Ordine ha ricoperto i seguenti incarichi: Delegato Provinciale per l’Ecumenismo e il Dialogo; Commissario di Terra Santa; Segretario Provinciale.

Fra Macello (Alfio) Buscemi è nato il 1° Ottobre 1944 ad Adrano (Ct), diocesi di Catania. Il 17 settembre 1961 è stato ammesso all’anno canonico del Noviziato che ha trascorso a Bagheria (PA). Il 21 settembre 1962 ha emesso la Professione temporanea dei Consigli Evangelici e l’8 ottobre 1967 ha emesso la Professione Solenne. Riceve l’Ordine del Presbiterato a Palermo-Baida il 27 giugno 1970 per l’imposizione delle mani e la preghiera di Ordinazione di Sua Em.za Rev.ma Card. Francesco Carpino. Nell’Ordine ha ricoperto i seguenti incarichi: Vice Parroco ed Economo locale a Catania San Maria della Guardia; Professore Ordinario allo Studium Biblicum Franciscanum – Facoltà di Scienze Bibliche e Archeologia (Gerusalemme).

2. La Parrocchia di Maria Santissima Addolorata di Aspra celebra i 90 anni della erezione canonica

Una serie di celebrazioni ed attività culturali sono state organizzate in occasione del 90° anniversario dell’erezione canonica della parrocchia di Maria Santissima Addolorata di Aspra, guidata da don Vincenzo Battaglia. Si inizia domenica 2 giugno 2019, con una solenne celebrazione Eucaristica che sarà presieduta dall’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice alle ore 18.30. Martedì 4 giugno 2019, è prevista la giornata Eucaristica a partire dalle ore 9.30 con e lodi e l’esposizione del Santissimo Sacramento e alle 18 la celebrazione Eucaristica. Mercoledì 5 giugno 2019, alle ore 9 il suono delle campane in festa, alle 16.30 la sfilata dei tamburinai e majorette per le vie del paese e alle ore 18.30 la solenne celebrazione Eucaristica presieduta da mons. Salvatore Di Cristina, Arcivescovo emerito di Monreale con la partecipazione dei parroci succeduti dal 1968 ad oggi. Giovedì 6 giugno 2019, alle 17 la celebrazione Eucaristica in memoria di mons. Giuseppe Cipolla, primo parroco di Aspra e alle 18.15 il convegno:  “La parrocchia di Aspra: storia, ricordi e testimonianze” con la partecipazione del docente Domenico Angileri, don Francesco Stabile, storico della Chiesa, mons. Pietro Passantino e Maria Vittoria Balistreri Cirello. Modera don Pino Grasso, direttore dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi.

3. “Quali attenzioni dello Stato per le dipendenze”

Prevenzione nelle scuole, formazione, visite nelle carceri e accompagnamento successivo sono gli interventi che compiono gli operatori che sono impegnati nel mondo delle devianze, soprattutto quelle che colpiscono le giovani generazioni. E’ quanto emerso nel corso della due giorni che si è tenuta nella sala Borremans di palazzo Butera a Bagheria sul tema: Primi passi verso la Conferenza nazionale: “Quali attenzioni dello Stato per le dipendenze”.

Al dibattito organizzato da Intercear, il Coordinamento enti ausiliari regionali, hanno preso parte il vicario di zona don Antonio Mancuso, in rappresentanza dell’arcivescovo, mons. Corrado Lorefice, il sindaco di Bagheria Filippo Tripoli, l’assessore alle Politiche sociali del comune Emanuele Tornatore e il presidente Cears Sicilia Giosuè Greco e i rappresentanti delle regioni i quali sono addivenuti alla determinazione che occorre organizzarsi e lavorare insieme per fare si che lo Stato intervenga efficacemente anche con un supporto economico significativo.

Le relazioni, sono state curate da Giuseppe Lumia, relatore della legge 45/99, Biagio Sciortino, presidente Nazionale Intercear, Riccardo De Facci, presidente del Cnca, Fausto D’Egidio presidente Federserd e don Salvatore Lo Bue, fondatore della “Casa dei Giovani”.

 

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

1. Tutti insieme per i tanti Paul

Nella Missione Speranza e Carità si stringono accanto a Paul, l’idraulico ghanese che rischia di essere espulso dall’Italia, l’Arcivescovo, don Corrado Lorefice, il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando, le associazioni laiche, cristiane e islamiche, ordini professionali, la Consulta delle Culture di Palermo. La sentenza del TAR dell’undici giugno stabilirà se Paul rimarrà in Italia o sarà espulso. Tutti insieme preghiamo per lui e per i tanti Paul che vivono in Italia, perché nessuno ponga fine al loro sogno di una vita più umana. Come Paul tanti altri migranti vivono l’identica incertezza sul loro futuro, preghiamo per ottenere una legislazione più umana per questi nostri fratelli e sorelle.

Da lunedì 3 giugno dalle ore 18 alle ore 24 la cappella della Misericordia, in via Archirafi 31, sarà aperta a tutti per pregare. L’adorazione si svolgerà tutte le sere, tranne la domenica (Santa Messa alle 18.30 nella Cittadella del Povero e della Speranza in via Decollati 29, nella casa di Preghiera di tutti i popoli).

Ulteriori aderenti all’iniziativa: Adduma Avvocati Dei Diritti Umani, Alleanza Dovers in Misericordia di RCC Palermo, Associazione Famiglia e Solidarietà Onlus, Assostampa Sicilia, Consulta della Pace del Comune di Palermo, Consulta delle Aggregazioni laicali della diocesi di Palermo, Comunità Exodos, La Comunità Islamica di Bangladesh, Moschea di Palermo, Missione di Speranza e Carità, Ordine dei Giornalisti Sicilia, Federazione Islamica di Sicilia, Parrocchia San Gaetano di Brancaccio, Ucsi Sicilia.

2. Associazione cattolica operatori sanitari chiusura attività annuali

L’A.C.O.S celebra i suoi quaranta anni 1978/2018 ed organizza una serie di iniziative. Tra queste martedì 4 giugno 2019 un Pellegrinaggio verso un Santuario Mariano a chiusura delle attività.

La Sede A.C.O.S. Palazzo Arcivescovile è aperta il 1° e 3° giovedì dalle ore 16.30 alle 18.

Referenti: M. Concetta Piacenza cell. 333/218817 – Vittorio Salerno – cell. 320/6160864 – P. Pier Giovanni o.f.m. Consulente Ecclesiastico ACOS – Cell. 327/8337001.

3. Sul Tgweb si parla di dipendenze

Un Seminario nazionale sulle dipendenze, l’Arcivescovo incontra i giovani del V Vicariato ad Altavilla Milicia e  la Giornata delle Comunicazioni sociali con l’Arcivescovo e don Fortunato Di Noto. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.

Guarda il Tgweb: https://www.youtube.com/user/tgwebdiocesipa