Alla Festa del ciao i ragazzi dell’Acr ci prendono gusto

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

IN QUESTO NUMERO
IN PRIMO PIANO
  • Alla Festa del ciao i ragazzi dell’Acr ci prendono gusto
NOTIZIE DIOCESIPA
  • Il priore di Bose relaziona al Clero sull’ascolto
  • I diaconi e le spose alla Casa del Vangelo
  • L’Arcivescovo celebra nei cimiteri cittadini
NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
  • “Progetto Tagliavia” per il miglioramento e potenziamento della Produzione Agricola e Casearia a favore della Missione di Speranza e Carità
  • Il Musical “L’Amore salverà il mondo”, dedicato al Beato Padre Pino Puglisi nelle scuole
  • Conferenza Gris di Frà Benigno Palilla su “Giovani e satanismo”
AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
  • Don Mazzi incontra i palermitani, al Real Teatro Santa Cecilia
  • Sul Tgweb si parla dei Ministri dell’Annuncio della Parola
__________________________________________________________________________
IN PRIMO PIANO
1. Alla Festa del ciao i ragazzi dell’Acr ci prendono gusto
“Ci prendiamo gusto”, questo lo slogan della Festa del ciao dell’Azione Cattolica ragazzi che è stata celebrata domenica. Circa 1.000 i partecipanti tra ragazzi, giovani e adulti che, in clima di vera festa, si sono ritrovati presso l’istituto Don Orione per vivere questo appuntamento annuale che da l’avvio alle attività e al cammino associativo.
Non è mancata la l’Eucaristia, la preghiera, la gioia tra canti d balli e la voglia di riflettere sulla presenza del Signore nella vita di ciascuno, attraverso le diverse attività proposte secondo la propria fascia di età. E poi il laboratorio unitario del pomeriggio che ha visto i ragazzi, improvvisati chef per realizzare e riflettere sulla ricetta da presentare per descrivere al meglio l’associazione parrocchiale di appartenenza, il rapporto con la propria comunità  ecclesiale e quella diocesana.
“Soddisfatti ringraziamo il Signore anche per la giornata – dichiara il presidente diocesano Giuseppe Bellanti – che anche se con qualche nuvola, ci ha permesso di vivere tutti i momenti programmati”.NOTIZIE DIOCESIPA
1. Il priore di Bose relaziona al Clero sull’ascolto
“La Fede nasce dell’ascolto e la Chiesa ascoltando, annuncia. Ascoltare implica una umanità che si rapporta agli altri. Inoltre, occorre ascoltare in maniera intelligente ed empatica in maniera che tutta la persona ascolti senza riserve”. Lo ha affermato Frà Luciano Manicardi, priore di Bose, nel corso di una interessante doppia riflessione proposta ai presbiteri e diaconi, martedì scorso nella Casa diocesana di Baida sul tema: “Un cuore capace di ascolto di se e degli altri”, per il consueto incontro di formazione.
“Oggi c’è tanto bisogno di ascolto – ha proseguito il priore di Bose – e nell’esercizio di tale ministero occorre sgombrare se stesso per accogliere l’altro, sentendo ciò che l’altro sente. Solo così l’ascolto può essere un vero ministero pastorale. Nell’ascolto è importante cogliere i sussulti verbali e vedere il corpo che è visibilità dell’anima. L’ascolto deve essere accogliente e non giudicante ospitando l’altro nella propria vita in modo discreto senza curiosità morbosa. Ascoltare è inoltre, fare silenzio. Nella vita spirituale è importante l’ascesi cioè lo scegliere nel discernimento, le cose importanti per la propria vita. Ascoltare è anche discernere tra gli elementi che compongono il messaggio dell’altro, leggendo negli interstizi di ciò che è stato detto e non detto. Ascoltare le sofferenze dell’altro significa prenderle su di se in una relazione di aiuto. L’ascolto è anche com-passione come espressione più grande della relazione umana. Ascoltare è una delle grandi fatiche, ma anche delle grandi gioie nei confronti di chi si ama. E poi bisogna anche ascoltare se stessi, un esercizio molto difficile perché oggi si tende a fuggire dalla propria persona”.
Al termine della riflessione l’Arcivescovo ha ricordato il prossimo appuntamento della Chiesa palermitana chiamata in assemblea il 23 e 24 novembre 2018 nella Parrocchia Santa Luisa di Marillac, in via Franz Listz a Palermo sul tema: “Per una Chiesa  incarnata nel territorio. Sulla traccia  di padre Pino Puglisi”.

2. I diaconi e le spose alla Casa del Vangelo
Primo incontro annuale di formazione dei diaconi e delle spose alla “Casa del Vangelo –  Chiavelli” di Palermo. Il delegato diocesano don Giuseppe Sunseri ha introdotto l’incontro ed ha presentato Anna Martini, suora della Congregazione delle suole di carità che ha tenuto una riflessione sul tema: “La missione diaconale come capacità di accogliere un invito: alzarsi, camminare, spostarsi”. La consacrata ha pure illustrato la sua esperienza allo Zen a vantaggio delle famiglie emarginate del quartiere, rimarcando l’impegno volto alla missione e all’accompagnamento.

“La missione di Filippo nasce dalla missione – ha detto suor Anna Martini – che è una vocazione che non parte da noi. Pertanto partire dagli ultimi è importante per partire dal fondo e ripartire. Il Signore inoltre, chiama a conversione dentro la relazione sponsale che deve essere coltivata insieme. La missione dei diaconi è di chi sta in mezzo, servitori della Parola insieme alle famiglie stando accanto alla gente e di ascolto del Signore”.

Nella seconda parte della giornata i diaconi e le spose hanno dato vita ai laboratori la cui condivisione è stata resa in assemblea. Nel corso della riflessione comunitaria è emersa la necessità di andare in missione verso le situazioni più marginali al fine di promuovere ed accompagnare l’uomo. Inoltre, da più parti è uscita fuori la necessità di una collaborazione più ampia con i presbiteri con i quali condividere la missione della Chiesa a vantaggio del popolo di Dio.

3. L’Arcivescovo celebra nei cimiteri cittadini
Come consuetudine, in occasione della Commemorazione di fedeli defunti, venerdì 2 novembre 2018, l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice, celebrerà la Santa messa di suffragio nei cimiteri della città. Alle ore 9 sarà al Cimitero di Sant’Orsola e alle 11.15 al Cimitero dei Rotoli.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
1. “Progetto Tagliavia” per il miglioramento e potenziamento della Produzione Agricola e Casearia a favore della Missione di Speranza e Carità
Una donazione di prodotti agricoli tra cui 11.400 Kg di sementi scelte tra cereali, leguminose e piante ortive, 15.000 Kg di concimi specifici per grano e leguminose, 13 litri di diserbante specifico per fave, una vasca refrigerante per la conservazione del latte della capacità di 600 litri, è stata elargita a favore della Missione di Speranza e Carità dal Rotary Club Palermo Agorà, Presidente Antonietta Matina e condiviso dai R.C. Palermo Ovest, Presidente Michelangelo Gruttadauria, Palermo Nord, Presidente Girolamo Sparti, Cefalù, Presidente Salvatore Piscitello, Baia dei Fenici, Presidente Francesco Dones, e ha ottenuto il contributo della Rotary Foundation e del Distretto 2110 Rotary International per l’area “Sviluppo Economico e Comunitario”.
L’iniziativa prevista nell’ambito del “Progetto Tagliavia” per il miglioramento e potenziamento della Produzione Agricola e Casearia prevede anche un Corso di Formazione sulla Caseificazione, rivolto al personale volontario multietnico della Missione di Speranza e Carità di Biagio Conte, con rilascio di attestato di qualifica.
“L’obiettivo del Progetto rotariano, realizzato grazie anche al contributo della Rotary Foundation e del Distretto 2110 – afferma Antonietta Matina, Presidente del Club Palermo Agorà – è quello di migliorare e potenziare la Produzione Agricola e Casearia di un fondo agricolo di circa 100 ettari, adiacente al Santuario di Tagliavia, territorio di Monreale, donato in comodato d’uso gratuito alla Missione di Speranza e Carità di Biagio Conte dalla Curia Arcivescovile di Monreale. Il corso di caseificazione, rivolto agli ospiti della Missione, che istituiremo, permetterà di qualificare con un attestato i frequentatori e ciò permetterà loro un futuro inserimento lavorativo in questo settore”.
Attraverso la consulenza gratuita di specialisti e tecnici Rotaryani della Facoltà di Agraria di Palermo, dell’Assessorato all’Agricoltura, si favorirà la razionalizzazione della tecnica colturale per aumentare la qualità e la quantità delle produzioni aziendali, visto lo scopo umanitario cui sono destinate.

2. Il Musical “L’Amore salverà il mondo”, dedicato al Beato Padre Pino Puglisi nelle scuole
“Dopo il grande consenso ricevuto per il musical “L’Amore salverà il mondo”, ideato da don Giuseppe Calderone, responsabile diocesano del Servizio Diocesano della Pastorale Giovanile, insieme agli altri due autori Piero Castellacci e Michele Paulicelli, lo spettacolo in formato ridotto, della durata complessiva di circa 70 minuti, sarà proposto agli alunni delle Scuole di Palermo. Il recital è organizzato dall’Associazione “We can hope”, con il patrocinio dell’Arcidiocesi di Palermo.
“Per fare conoscere la figura del Beato Padre Puglisi, patrono degli insegnanti che tanto si è speso per l’educazione dei giovani – spiega don Calderone – il musical sarà proposto agli alunni del 5° anno della Scuola Primaria, e a tutti quelli della Scuola Secondaria di I e II grado. E se ognuno fa qualcosa… possiamo riempire il teatro”.

3. Conferenza Gris di Frà Benigno Palilla su “Giovani e satanismo”
Mercoledì 31 ottobre 2018, alle ore 21, presso la Parrocchia S.S. Salvatore di corso dei Mille 751 a Palermo, Frà Benigno Palilla, terrà la conferenza dal titolo: “Giovani e satanismo”.
Seguirà alla conferenza un momento di preghiera e di adorazione eucaristica in riparazione ai sacrilegi. Nel corso dell’incontro sarà presentato il programma annuale del Gris diocesano Palermo il Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-religiosa.

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
1. Don Mazzi incontra i palermitani, al Real Teatro Santa Cecilia
“Dalla teoria dell’educazione alla poesia dell’educare”. E’ questo il titolo dell’incontro che si terrà mercoledì 31 ottobre 2018, alle ore 21 presso il Real Teatro Santa Cecilia, insieme a Don Antonio Mazzi. Una lectio magistralis incentrata sull’importanza del recupero dell’educazione e del senso civico. Avere senso civico significa avere la consapevolezza di far parte di una comunità e di essere in stretta correlazione con gli altri esseri umani. Significa rispettare gli altri, il gruppo, la comunità, sentirsi parte integrante di essa, sentire il senso di responsabilità oltre che di appartenenza. L’incontro, aperto a tutti, ai laici e ai religiosi, sarà moderato dal consigliere comunale Giulio Cusumano, con interviste di approfondimento a cura della giornalista Anna Cane. Sarà presente il Sindaco Leoluca Orlando.
La serata sarà aperta da un passo a due, un estratto dello spettacolo “Tra uomo e donna – No alla violenza sulle donne” con la direzione artistica di Leon Cino. Sue anche le coreografie, insieme ad Ernesto Forni e Dario Biuso con il corpo di ballo della Trinacria Dance Company. In prima serata anche un’introduzione musicale del coro Pontis Mariae diretto dal teologo Tony Caronna.
Nel pomeriggio, alle ore 18, presso lo stesso teatro Santa Cecilia, da un’idea di Francesco Italia e Giulio Cusumano, per prepararsi all’incontro con Don Mazzi, si terrà il dibattito “Educare alla memoria”. In occasione del centenario della Prima Guerra Mondiale, verrà presentato il testo “I fiumi mormoravano” di Anna Mauro. Durante l’incontro, patrocinato dal Comune di Palermo, dall’Associazione Disincanto e dall’Associazione Radici di Sole, che sarà introdotto dal Dott. Salvatore Demma, sarà presentato l’omonimo spettacolo teatrale che andrà in scena il 29 Novembre 2018 al Teatro Orione di Palermo. Pertanto interverranno la regista Anna Mauro e gli attori Francesco Italia, Domenico Pane, Sandra Zerilli e sarà presentato l’intero cast artistico.
Durante la serata, inoltre, si potrà firmare per sottoscrivere la proposta di legge che prevede le modifiche alla disciplina della querela per i reati di violenza sessuale e atti persecutori (stalking).

2. Sul Tgweb si parla dei Ministri dell’Annuncio della Parola
Nei vicariati iniziano gli incontri di formazione per i Ministri dell’Annuncio della Parola che si terranno in Avvento e Quaresima, “All inclusive”, al via il corso di formazione per animatori inclusivi e al don Orione tripudio di gioia con la “Festa del ciao”. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.
Guarda il Tgweb