Formazione permanente per catechisti Anno pastorale 2017/2018

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
IN QUESTO NUMERO
IN PRIMO PIANO
  • Formazione permanente per catechisti Anno pastorale 2017/2018
NOTIZIE DIOCESIPA
  • Inaugurati dall’Arcivescovo i nuovi locali della clinica “La Maddalena”
  • In Cattedrale il conferimento di ministeri ai seminaristi
NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
  • Cappella adorazione perpetua: collocato quadro lavanda piedi
  • Alla Libreria Paoline si presenta il volume “E adesso la palla passa a me”
  • Replica spettacolo beneficenza Compagnia Teatrale “3P”
  • Anniversario istituzione Parrocchia Gesù, Maria e Giuseppe
AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
  • Due tele settecentesche tornate nella chiesa di San Nicolò all’Albergheria di Palermo
  • Apertura serale della Badia Nuova, piccolo gioiello serpottiano alle spalle della Cattedrale
  • Sul Tgweb si parla dell’assemblea diocesana
__________________________________________________________________________
IN PRIMO PIANO
1. Formazione permanente per catechisti Anno pastorale 2017/2018
L’Ufficio diocesano per la Catechesi, diretto da don Giuseppe Vagnarelli, nell’ambito della formazione permanente, organizza il primo modulo di formazione per catechisti per l’anno pastorale 2017/2018. Il corso avrà inizio il 29 gennaio presso alcuni centri individuati nei sei vicariati di zona e si concluderà il 22 marzo 2018.
I catechisti che hanno partecipato al primo modulo (anche negli anni scorsi) potranno partecipare a quelli successivi.
Centri di zona:
I vicariato Parrocchia Santissimo crocifisso Acqua dei Corsari il lunedì dalle ore 21 alle 23;
II vicariato Parrocchia San Gabriele Arcangelo Giovedì dalle ore 16 alle 18;
III vicariato Parrocchia Santa Luisa di Marillac il giovedì dalle ore 21 alle 23.
IV vicariato Parrocchia Maria Santissima Consolatrice degli afflitti il giovedì dalle ore 16 alle 18;
V vicariato Parrocchia Santissimo Salvatore il giovedì dalle ore 16 alle 18;
VI vicariato Parrocchia San Giovanni Battista Misilmeri il lunedì dalle ore 16 alle 18.

NOTIZIE DIOCESIPA
1. Inaugurati dall’Arcivescovo i nuovi locali della clinica “La Maddalena”
L’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice ha benedetto i locali della clinica “La Maddalena” ed ha anche incontrato i pazienti dell’Unità operativa di oncoematologia e trapianto di midollo osseo e quelli del reparto di lungodegenza, insieme al parroco della parrocchia di Santa Silvia, don Sebastiano Conticelli che cura spiritualmente i degenti portando la Comunione ogni domenica agli ammalati di tutta la clinica.
“Qui – ha dichiarato Lorefice, nel corso della visita – si trova chi si mette in gioco perché possa essere tenuto alto il tenore umano. Abbiamo una sfida, nella nostra Sicilia e nella nostra Palermo, c’è bisogno di un salto d’orgoglio perché siamo pieni di tante potenzialità e intelligenza da mettere in campo per la costruzione di un bene che ogni uomo sente dentro come appello, come chiamata. Ognuno di noi deve contribuire alla felicità dell’altro, insieme dobbiamo lavorare con questa unica finalità”.
Presente anche il neo assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza. “È stata una delle più belle giornate della mia vita – ha sottolineato Guido Filosto, presidente del Dipartimento oncologico “La Maddalena” – vissuta quasi in simbiosi con l’Arcivescovo Lorefice e l’assessore Razza, per avere realizzato con l’aiuto indispensabile di tutti i suoi collaboratori amministrativi e sanitari, un ospedale che dovrà dimostrare, oltre all’accuratezza diagnostica e terapeutica, un rapporto di grande umanizzazione con i pazienti”.

2. In Cattedrale il conferimento di ministeri ai seminaristi
La celebrazione per il conferimento dei ministeri del Lettorato e dell’Accolitato ai seminaristi si svolgerà sabato 13 gennaio 2018 in Cattedrale alle ore 10. La funzione che si doveva svolgere lo scorso 5 gennaio è stata rinviata di una settimana a seguito della morte della mamma dell’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice.
Saranno ammessi al ministero del lettorato e dell’accolitato, sette giovani del seminario arcivescovile che così compiono un altro passo verso l’altare del Signore.
Saranno istituiti lettori Giuseppe Antonio India, della parrocchia Immacolata Concezione di Ventimiglia di Sicilia, Gaetano Marsiglia, della parrocchia S. Giovanni Apostolo si Palermo, Emanuele Spanò, della parrocchia San Basilio si Palermo e Salvatore Teresi, della parrocchia SS. Salvatore di Termini Imerese.
Saranno invece ammessi al ministero dell’Accolitato Salvatore Maria De Pasquale, della parrocchia Santa Luisa de Marillac di Palermo, Giuseppe Fricano, della parrocchia Santo Sepolcro di Bagheria e Andrea Iacolina, della parrocchia San Giovanni Apostolo di Palermo.
Si tratta di due ministeri, previsti dal Motu proprio del Santo Padre Paolo VI “Ministeria Quaedam” il 15 agosto del 1972 che la Chiesa conferisce per il servizio alla Parola di Dio e per il servizio all’altare.
Compito del lettore è quello di proclamare dall’ambone le letture della Sacra Scrittura, durante le celebrazioni liturgiche, mentre quello dell’Accolito di aiutare il celebrante e il diacono e di portare l’Eucaristia ai malati e agli anziani, in maniera particolare nel giorno del Signore.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
1.  Cappella adorazione perpetua: collocato quadro lavanda piedi
Con la collocazione del secondo quadro, si completa l’arredo iconografico della cappella dell’adorazione perpetua della chiesa della Madonna della luce di corso Butera dove ininterrottamente i fedeli sostano in preghiera 24 ore su 24 per tutto l’anno. Il dipinto olio su tela è stato realizzato dall’artista bagherese Francesco Sciortino ed è stato commissionato dalla comunità ecclesiale bagherese. “L’opera che rappresenta la lavanda dei piedi di Gesù agli apostoli durante l’ultima cena è stata finanziata dalle offerte dei fedeli e degli stessi adoratori – dichiara il parroco della chiesa del Santo Sepolcro don Filippo Custode – che lasciano le offerte in una cassetta collocata all’interno della chiesa e che servono anche per le spese vive e la manutenzione”.

2. Alla Libreria Paoline si presenta il volume “E adesso la palla passa a me”
Giovedì 11 gennaio 2018, alle ore 18, nella Sala “Alberione” della Libreria Paoline in via Vittorio Emanuele, 456 a Palermo, verrà presentato il nuovo libro di Antonio Mattone “E adesso la palla passa da me. Malavita, solitudine e riscatto nel carcere”, Guida editori.
Dopo i saluti del Direttore ufficio Diocesano Pastorale Sociale e del Lavoro Giuseppe Notarstefano, interverranno Domenico Anastasi, responsabile progetto carceri dell’Azione Cattolica di Palermo, Lorenzo Messina, Comunità Sant’Egidio di Palermo, Rita Barbera, Direttrice carcere Ucciardone e mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo. Sarà presente l’autore. La lettura dei brani verrà eseguita dall’attrice Consuelo Lupo. Introdurrà la giornalista Fernanda Di Monte.

3. Replica spettacolo beneficenza Compagnia Teatrale “3P”
Dopo il successo della precedente esibizione, sabato 13 gennaio 2018, alle ore 21, la Compagnia Teatrale “3P” replicherà lo spettacolo di beneficenza presso il teatro della Parrocchia dell’Annunciazione del Signore, guidata da don Cesare Rattoballi, con ingresso da via Pietro Donato a Palermo.
“Un viaggio da favola” fra le più belle storie Disney, un’esperienza che terrà a bocca aperta i piccoli e renderà nostalgici i grandi.
“I nostri ragazzi si stanno preparando per voi – afferma il vice parroco don Nino Governale – non mancate. Il ricavato andrà interamente devoluto per offrire ai bambini del nostro quartiere lo spazio dei campetti sportivi della parrocchia che hanno urgente bisogno di rifacimento. Non ci saranno biglietti ma all’ingresso potrete lasciare la vostra offerta. Dio vi benedica e vi aspettiamo”.

4. Anniversario istituzione Parrocchia Gesù, Maria e Giuseppe
Domenica 14 gennaio 2018, alle ore 18, in occasione del 290° anniversario dell’istituzione della Parrocchia Gesù, Maria e Giuseppe, guidata da don Diego Broccolo, l’Arcivescovo presiederà una solenne celebrazione Eucaristica che segnerà l’inizio dell’anno giubilare parrocchiale.
Nel 1728 il fondatore don Federico di Napoli, Principe di Resuttana, ottenne che la chiesetta di sua proprietà fosse elevata al grado di chiesa sacramentale sotto titolo di Gesù, Maria, Giuseppe, ingrandita e riccamente decorata, fu eretta a parrocchia filiale della Cattedrale di Palermo il 13 giugno 1729.

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
1. Due tele settecentesche tornate nella chiesa di S. Nicolò all’Albergheria di Palermo
Sono tornate esposte nella sede originaria, la chiesa parrocchiale di S. Nicolò all’Albergheria di Palermo, due tele settecentesche in deposito al Museo Diocesano di Palermo dal 1996.
Dopo 22 anni, su richiesta della parrocchia e per disponibilità del direttore dell’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici dell’Arcidiocesi di Palermo, don Giuseppe Bucaro, ritrovano luce nella chiesa di S. Nicolò all’Albergheria due grandi tele settecentesche.
La parrocchia dell’Albergheria, purtroppo spesso oggetto di furti, anche recenti, è stata oggetto di restauri da parte della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Palermo e dotata di moderni sistemi di sicurezza, il che ha consentito di restituire alla naturale devozione alcune delle opere che erano state ricoverate al Museo Diocesano di Palermo per garantirne l’integrità.
Si tratta di due pitture con la Messa di S. Gregorio e con il Martirio dei S.S. Celso e Vittore. Le opere restaurate sono state ricollocate in chiesa anche se non nelle originali posizioni a causa dei riadattamenti operati nel corso dei decenni.
La ricollocazione di queste due tele nella sede originaria ancora adibita al culto, dopo anni di custodia nei depositi museali, mostra l’attenzione dell’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi e del Museo Diocesano di Palermo verso i luoghi sacri del territorio e in favore della ricostruzione degli impianti iconografici recuperabili e un tempo oggetto di ammirazione e ancora oggi di devozione.
Si prosegue così con le operazioni che hanno già visto il ripristino degli apparati pittorici a Palermo nella chiesa del SS. Salvatore (2016, S. Orsola cinquecentesca), di S. Cristoforo (1998, 2000), nell’oratorio del SS. Rosario in S. Cita (Adorazione dei Magi di Pietro d’Asaro), nella chiesa di S. Antonio Abate di Palermo (2001), nella chiesa di Valverde (2005, con la pala di Pietro Novelli) e nell’oratorio dei Bianchi (2005, con la grande Crocifissione di Antonio Manno).
Info: Museo Diocesano di Palermo: via Matteo Bonello, 2 (Palazzo Arcivescovile di Palermo), accanto alla Cattedrale 0916077303, 0916077215 – museo@diocesipa.it www.museodiocesanopa.it Facebok: Museo Diocesano di Palermo (mudipa)Instagram: museodiocesanopalermo #mudipa Twitter: Museo Diocesano Pa  @MuDiPalermo Pinterest: Museo Diocesano Palermo Youtube: museo diocesano di palermo

2. Apertura serale della Badia Nuova, piccolo gioiello serpottiano alle spalle della Cattedrale
Dopo una lunga pausa, tornano le aperture serali della Badia Nuova. I visitatori potranno ammirare la seicentesca chiesa della Madonna di Monte Oliveto (Badia Nuova), a pochi passi dalla Cattedrale di Palermo, gli stucchi del grande Giacomo Serpotta e del fratello Giuseppe, le opere di Pietro Novelli, Gioacchino Martorana e Giuseppe Patania. L’appuntamento avrà luogo in via dell’Incoronazione, all’angolo con piazzetta Sett’Angeli a Palermo, sabato 13 gennaio 2018, dalle 18 a mezzanotte.
Prenotazione obbligatoria: 329/8765958 – 320/7672134 – www.terradamare.org/infoline
Eccezionalmente aperta al pubblico, la piccola chiesa faceva parte del monastero di S. Maria di Monte Oliveto, sede dell’antico Arcivescovado fatto edificare da Gualtiero Offamilio e poi abbandonato nel XV secolo. Dal 1512 le monache olivetane ripristinarono il complesso e, tra il 1622 e il 1624, affidarono il progetto di ampliamento a Mariano Smiriglio. Restaurato nel dopoguerra, l’edificio oggi è sede del Seminario Arcivescovile di Palermo.
Il prospetto tardo-manieristico è ripartito in più ordini ed è segnato da forti membrature, volute e losanghe. L’interno è a navata unica con due altari per lato e un coro all’ingresso sostenuto da quattro colonne di ordine tuscanico in marmo grigio di Billiemi. Il prezioso sottocoro è ornato da stucchi di Giuseppe e Giacomo Serpotta e da affreschi di Filippo Tancredi con “Le storie della vita della Vergine”, mentre alle pareti del vestibolo sono altri quattro affreschi entro cornici mistilinee dorate, con gli episodi della vita di Santa Rosalia. Le pareti della navata sono elegantemente decorate da paraste e stucchi serpottiani; nella volta sono conservati gli affreschi di Pietro Novelli con l’“Ascensione di Cristo” e le “Storie di Santi”. Il presbiterio è introdotto da un arco trionfale e si chiude con un’abside quadrata da cui si accede alla sacrestia nota anche come “Cappella delle sorelle Spatafora”, affrescata da Filippo Tancredi e impreziosita da un altare in marmi mischi, ai lati del quale sono due “teatrini” con scene della “Natività” e della “Presentazione al Tempio”, attribuite a Procopio Serpotta.

3. Sul Tgweb si parla dell’assemblea diocesana
Al Santissimo Salvatore l’Assemblea pastorale diocesana, in Cattedrale il conferimento di ministeri ai seminaristi e l’intenso programma delle iniziative per l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso a Palermo. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.
Guarda il Tgweb