In Cattedrale la consacrazione delle vedove

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail
IN QUESTO NUMERO
IN PRIMO PIANO
  • In Cattedrale la consacrazione delle vedove
NOTIZIE DIOCESIPA
  • Don Antonino Zito nuovo direttore dell’IRC e rinnovato il Consiglio direttivo della Fondazione antiusura “Santi Mamiliano e Rosalia”
  • Ammissione al catecumenato
NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
  • Missione Speranza e Carità: “Il Povero è la nostra Speranza”
  • Festa Santa Caterina d’Alessandria
  • Presentazione Ciclo pittorico della Vergine delle sette Arti Liberali nell’antica Chiesa di S. Caterina di Alessandria in Termini Imerese
  • Incontri con il Centro dei metodi naturali
  • La mostra su don Puglisi nella chiesa di Romagnolo
AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
  • Nella chiesa di S. Maria del Piliere si presenta “Il triplice insegnamento del maestro venuto da Dio di nome Gesù”
  • “Informazione religiosa: nuovi linguaggi e giornalisti preparati”
  • Sul Tgweb si parla di identità sessuale
__________________________________________________________________________
IN PRIMO PIANO
1. In Cattedrale la consacrazione delle vedove
L’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice, il prossimo 28 novembre 2017, ammetterà nell’Ordo viduarum, 23 vedove di età compresa tra i 50 e gli 80 anni, che hanno deciso di consacrarsi per sempre al Signore. Le vedove hanno seguito un percorso di formazione spirituale, teologica e umana, sotto la guida del delegato diocesano, don Giacomo Ribaudo con incontri mensili che si sono svolti presso la chiesa di Santa Caterina da Siena prima e successivamente nella Parrocchia di Maria Santissima del Carmelo ai Decollati a Palermo. La consacrazione delle vedove si svolgerà in Cattedrale nel corso di una celebrazione Eucaristica alle ore 18.
“Lo specifico della vocazione delle vedove è di essere nella Chiesa – afferma il delegato don Giacomo Ribaudo – in armonia con il vescovo quale segno profetico delle realtà future”.
Le vedove in preparazione della consacrazione hanno svolto gli esercizi spirituali presso i padri agostiniani e mercoledì scorso sono state impegnate in un ritiro spirituale, nella chiesa di Maria Santissima del Carmelo ai Decollati.
Attualmente sono una quarantina le donne che fanno parte dell’Ordo viduarum a Palermo da dove è partita questa esperienza voluta dal card. Salvatore Pappalardo nel 1996 e adesso si è diffusa in altre 14 diocesi italiane. L’Ordo viduarum ha come coordinatrice nazionale la palermitana Adalgisa Lazzara.

NOTIZIE DIOCESIPA
1. Don Antonino Zito nuovo direttore dell’IRC e rinnovato il Consiglio direttivo della Fondazione antiusura “Santi Mamiliano e Rosalia”
L’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice ha nominato, a decorrere dal 1 dicembre 2017, il nuovo direttore dell’IRC. Si tratta di don Antonino Zito il quale succede a don Antonio Todaro, recentemente nominato parroco della parrocchia di San Nicolò di Bari a Termini Imerese.
Don Antonino Zito, nella sua lunga esperienza pastorale ha svolto diversi incarichi, come Parroco della Comunità di San Giacomo La Marina alla Vucciria (1985/1992), della Comunità di Mater Misericordiae (1993/1997), della Comunità di San Luigi Gonzaga (1998-1906), della Comunità di San Giovanni Apostolo, C.E.P. (1992/1993), come Rettore delle Chiesa Maria Santissima della Catena. Inoltre è stato Responsabile della Pastorale dello Sport, Turismo e Tempo Libero, Direttore della Pastorale Familiare e dal 1997 al 2017 insegnante di Religione Cattolica al liceo scientifico “Stanislao Cannizzaro”.
L’Arcivescovo ha inoltre, rinnovato il Consiglio direttivo della Fondazione antiusura “Santi Mamiliano e Rosalia” nelle persone di mons. Benedetto Genualdi, del diacono Salvatore Corselli e del dott. Vittorio Alfisi. I consiglieri resteranno in carica per un triennio a decorrere dal 19 ottobre 2017.
Nominare anche alcuni presbiteri vicari Parrocchiali: don Antonino Governale, Vicario Parrocchiale della Parrocchia Annunciazione del Signore; don Arcangelo Giuseppe Di Pasquale, Vicario Parrocchiale della Parrocchia S. Michele Arcangelo e don Alessandro Sacco, Vicario Parrocchiale della Parrocchia Santo Stefano Protomartire.

2. Ammissione al catecumenato
Il Servizio Catecumenale Diocesano, diretto da don Giovanni Di Simone, organizza un incontro in preparazione dell’ammissione al catecumenato. L’appuntamento avrà luogo domenica 26 Novembre 2017 alle ore 9, nel salone Lavitrano della Curia.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
1. Missione Speranza e Carità: “Il Povero è la nostra Speranza”
“La Missione come sempre si trova indebitata e piena di debiti e per questo motivo oggi diventa l’occasione per rafforzare ancora di più la preghiera. Dice San Paolo: quando siamo deboli e allora che siamo forti. Attenzione anche se può sembrare strano senza debiti si può rischiare di mettere da parte il buon Dio essendo ben sazi e ben coperti non c’è più tempo per pregare, per pensare a Dio e al nostro prossimo”. Ad affermarlo Biagio Conte, fondatore Missione Speranza e Carità, il quale aggiunge: “Nella preghiera del Padre Nostro si dice così rimetti a noi i nostri debiti; non per caso tutta la Missione continua ad essere basata sui debiti. Mi vado rendendo conto sempre di più che siamo nella direzione giusta. San Paolo ci conforta dicendoci: Ben vengano le difficoltà ed ecco che noi diciamo: Ben vengano i debiti.  Così ci rafforzeremo nel cammino della Fede, della Speranza, e della Carità. Disse un Sindaco di profonda Fede, Giorgio La Pira: Molti debiti, molta Santità. Noi siamo della categoria degli ultimi ma ricordiamoci che la giustizia di Dio dice che un giorno gli ultimi saranno i primi e i primi saranno gli ultimi. Gesù ti chiediamo di starci vicino in questo momento di forti prove”.
Il missionario laico lancia un prezioso appello: “Ricordiamoci che il povero ha bisogno di noi ma anche noi abbiamo bisogno di loro. “Ricchi e Poveri insieme” il buon Dio ci invita a difendere e proteggere la causa dei miseri e degli emarginati, il diritto dei poveri. È vera giustizia chi ha cura del più debole e dell’ e indigente. Chi ha e non dona nulla ai poveri non può essere uomo o donna di Giustizia, di Pace e di Speranza. È urgentissimo rispondere ai bisogni della gente dando il pane per gli affamati, l’acqua per gli assetati, la coperta per chi non sa come coprirsi, la casa per chi non ha la casa, il lavoro per chi non ha lavoro, l’aiuto al carcerato, il soccorso all’immigrato, il medico per chi non sa come curarsi, la preghiera ai moribondi, dare conforto per chi è  sconfortato, amore per chi non si sente amato, la via per chi ha perso la via, la verità per chi non è nella verità, la vita per chi non vuole vivere, la pace per chi non ha la pace, la gioia per chi non ha la gioia, la speranza per chi non ha più speranza”.

2. Festa Santa Caterina d’Alessandria
Rivive nella spiritualità e nella liturgia il Monastero di Santa Caterina. In occasione della festività dedicata alla Santa, sabato 25 novembre 2017, alle 18, sarà celebrata la Santa Messa nella Chiesa di piazza Bellini. Al termine della celebrazione sarà possibile ascoltare l’intervista telefonica in diretta alla priora e a una consorella del Monastero di Rieti, dove attualmente risiedono le due religiose superstiti del Convento palermitano.
Dopo la S. Messa saranno nuovamente visitabili il Chiostro e gli spazi annessi, chiusi per interventi di restauro dopo l’apertura della scorsa primavera, fra questi: la stanza della priora, la sacrestia, la dolceria e il refettorio. Sono stati realizzati restauri anche su mobili, quadri, manufatti d’argento, ceroplastiche e oggetti d’uso quotidiano delle religiose. Ogni cosa è tornata nella sua sistemazione originaria, a testimoniare i modi di vita e la spiritualità di un Monastero di clausura unico nel suo genere. Sempre nell’ottica del recupero delle antiche tradizioni, da sabato 25, per tutti i weekend dalle ore 10 alle 13, sarà ripristinata la ruota per l’acquisto dei dolci di badia.
Le visite guidate del Chiostro, per gruppi di almeno 15 persone, si svolgeranno da domenica 26 Novembre dalle ore 10 alle 18 (ultimo ingresso ore 17,30) e continueranno anche nei  fine settimana successivi (sabato e domenica).  Nel Monastero sono ancora in corso lavori di restauro. I tour avranno la durata di mezz’ora. I visitatori avranno anche l’opportunità di seguire le fasi di lavorazione di alcuni prodotti dell’antica dolceria ed eventualmente di acquistarli.

3. Presentazione Ciclo pittorico della Vergine delle sette Arti Liberali nell’antica Chiesa di S. Caterina di Alessandria in Termini Imerese
Nell’alveo della più antica tradizione universitaria europea dalla Sorbona di Parigi all’Alma Mater Studiorum di Bologna si inserisce il Ciclo pittorico della Vergine delle sette Arti Liberali nell’antica Chiesa della Santa Martire Caterina di Alessandria in Termini Imerese a cura di Maria Concetta Buttà, Presidente Associazione “il Segno”. Alla presentazione che avrà luogo domenica 26 novembre 2017, alle ore 10.30 a Piazza Santa Caterina a Termini Imerese, interverranno don Antonio Todaro, Parroco della Chiesa Madre e Alfonso Lo Cascio, Presidente BCsicilia.

4. Incontri con il Centro dei metodi naturali
Il Centro Metodi Naturali è presente con i propri operatori nei percorsi di preparazione al matrimonio di alcune parrocchie della Diocesi, con incontri sulla Procreazione Responsabile mediante la proposta del Metodo dell’Ovulazione Billings. Al fine di consentire a tutte le parrocchie di usufruire di questo servizio, viene offerto un incontro, ripetuto mensilmente, su “Sessualità, Fertilità e Metodi Naturali” che gli animatori dei percorsi di preparazione al matrimonio di tali parrocchie possono inserire nei loro calendari. Il prossimo incontro si svolgerà presso la Parrocchia Madonna della Provvidenza (Don Orione – Via Ammiraglio Rizzo) nel salone parrocchiale, con ingresso dalla Via Don Orione angolo Via Ammiraglio Rizzo, martedì 28 novembre 2017, dalle ore 21 alle ore 22.30.
Prenotare la partecipazione telefonando al  335/231507. Via Ammiraglio Rizzo 68, (Parrocchia Madonna della Provvidenza, Don Orione) – Tel. 091/7745047.

5. La mostra su don Puglisi nella chiesa di Romagnolo
I grandi sorrisi di padre Pino Puglisi, le sue celebri frasi che si animano sulle tele, varie fasi della sua vita fino al giorno della sua morte avvenuta per mano mafiosa il 15 settembre del 1993. Il ricordo del Beato di Brancaccio torna alla chiesa di San Giovanni Bosco, di via Messina Marine, nel quartiere di Romagnolo, guidata da don Pippo Russo, con una mostra itinerante che ha preso avvio nel 2014.
La mostra dal titolo «La forza dell’amore» è nata da un’idea della pittrice Mariella Ramondo che ha espresso la rabbia per l’omicidio del parroco della chiesa di San Gaetano in una tela. Poi la necessità di dipingerne altre. «Pensavo e ripensavo alla morte di padre Pino- racconta – e mi è venuta voglia di dipingere. Non avevo in casa una tela dalle giuste dimensioni e ne ho addirittura cucite tre insieme. Ho disegnato il volto di padre Pino Puglisi con tanti burattini senza fili. Lui infatti sosteneva che era necessario studiare per ragionare con la propria testa. Lo diceva soprattutto ai suoi amati bambini di Brancaccio che non avevano tanta voglia di frequentare la scuola».
La pittrice nei mesi successivi ha poi coinvolto altri 30 pittori provenienti da tutta la Sicilia che hanno interpretato varie fasi della vita di padre Puglisi dall’evangelizzazione tra le vie di Brancaccio alla morte con la prima pagina del Giornale di Sicilia del 16 settembre 1993 che diventa un’opera d’arte. “Quando penso a padre Pino Puglisi – racconta Vincenzo Gatto, uno degli artisti che sta partecipando alla collettiva – mi viene in mente il servizio nei confronti dei più giovani. Ho voluto ritrarlo proprio con lo sfondo della sua Brancaccio abbracciato ad uno dei fanciulli che ha salvato dalla strada”.
In esposizione fino al 31 dicembre nel salone parrocchiale della chiesa di San Giovanni Bosco ci sono i quadri di Wanda Barraco, Giovanna Calabretta, Totò Calò, Ferdinando Caronia, Cristina Casamento, Valentina Harè, Caterina Lala, Paola La Monica, Gabriella Lupinacci, Rosalia Marchiafava Arnone, Letizia Marchione, Giuseppa Matracia, Giusi Megna, Rosario Trapani, Lorenza Vincenza Troia, Maria Felice Vadalà, Giovanni Ventimiglia, Cinzia Romano, Francesca Oliveri, Sara Mineo, Angela Sanzana, Giovanni Messina e Maria Luisa Lippa.

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
1. Nella chiesa di S. Maria del Piliere si presenta “Il triplice insegnamento del maestro venuto da Dio di nome Gesù”
Venerdì 1 dicembre 2017, alle ore 18, presso la chiesa di S. Maria del Piliere in Piazzetta degli Angelini a Palermo, sarà presentato il volume di mons. Gaetano Tulipano, “Il triplice insegnamento del maestro venuto da Dio di nome Gesù”, Carlo Saladino Editore. Converserà con l’autore Angelo Bianco.
L’impianto di questo libro appare particolarmente ambizioso. L’Autore ne anticipa in Premessa una descrizione dettagliata, che dà subito l’idea di un insieme di argomenti indagati assai ampio. Essi, in effetti, spaziano dopo un sintetico accenno al ruolo magisteriale dei grandi personaggi dell’Antico Testamento, a quello assolutamente originale e fondamentale di Gesù, Signore e Maestro durante la sua vita terrena, e poi a quello di Lui stesso, visto nella sua continuità nel tempo della Chiesa. Da sola, già questa articolata descrizione del piano dell’opera lascia intravedere quanto deve essere costata a mons. Gaetano Tulipano la sua “gioiosa fatica”…

2. “Informazione religiosa: nuovi linguaggi e giornalisti preparati”
Due gli appuntamenti giovedì 23 novembre 2017, a Palermo. Il primo inizierà alle ore 11 e sarà dedicato alla formazione dei giornalisti, organizzato dall’Ucsi Sicilia, Unione Cattolica Stampa Italiana, in sinergia con la Sezione Ucsi di Palermo, il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e l’Ordine Regionale dei Giornalisti di Sicilia.
Il seminario formativo, si svolgerà  nel salone conferenze della sede regionale dell’Ordine dei Giornalisti, sita in via Bernini e verterà sul tema “Informazione religiosa: nuovi linguaggi e giornalisti preparati”. I lavori si apriranno dopo i saluti del presidente dell’Ordine dei Giornalisti Giulio Francese e del presidente della Ucsi Sicilia Domenico Interdonato. Relatori: Alessandra Ferraro, vice redattore Tgr Rai Valle d’Aosta, Salvatore Di Salvo, consigliere nazionale Ucsi, Michelangelo Nasca, vaticanista e presidente della sezione Ucsi Palermo. A moderare l’incontro, Pino Grasso, direttore dell’Ufficio Stampa dell’Arcidiocesi di Palermo. I relatori affronteranno diversi argomenti tra cui quello di come è cambiata la comunicazione della Chiesa e l’attenzione dei media. Alessandra Ferraro parlerà anche della comunicazione da San Giovanni Paolo II a Papa Francesco, mentre il consigliere nazionale Ucsi Salvatore Di Salvo parlerà sulla “buona notizia”.
Il secondo appuntamento con la cultura si svolgerà alle ore 17.30 nel salone Lavitrano della Curia arcivescovile dove verrà presentato il libro di Alessandra Ferraro dal titolo “Non Guardare la vita dal Balcone…”. Modera la giornalista Sandra Pizzurro, vicepresidente Ucsi Palermo.

3. Sul Tgweb si parla di identità sessuale
L’identità sessuale alla luce della Parola di Dio, i Ministri della Parola in formazione in vista degli incontri di Avvento e Quaresima e Catechesi inclusiva e disabilità intellettive. A Santa Cristina corso di formazione per referenti parrocchiali. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.
Guarda il Tgweb