La riflessione del teologo Giuseppe Ruggieri su “Il contributo dei cristiani a loro tempo”

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

IN QUESTO NUMERO

 

IN PRIMO PIANO

  • La riflessione del teologo Giuseppe Ruggieri su “Il contributo dei cristiani a loro tempo”

 

NOTIZIE DIOCESIPA

  • Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone
  • Anticipato l’incontro Vescovo Nubendi in Cattedrale

 

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

  • “Il pettegolezzo” tra malizia e superficialità
  • “A pregare s’impara pregando”. Catechesi itinerante sulla preghiera
  • Presentazione libro “L’altro Risorgimento”
  • Manifestazione a favore dell’Unione Italiana lotta alla distrofia muscolare

 

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

  • Giornata della Raccolta del Farmaco
  • Gruppo Santa Maria di Cana: Separati, divorziati non risposati né conviventi
  • A Cefalù il convegno regionale sul primo annuncio alla famiglia
  • Sul Tgweb si parla dell’incontro di formazione a Santa Luisa di Marillac

__________________________________________________________

IN PRIMO PIANO

1. La riflessione del teologo Giuseppe Ruggieri su “Il contributo dei cristiani a loro tempo”

Prendendo spunto dall’Esortazione apostolica di Papa Francesco “Evangelii Gaudium”, il teologo Giuseppe Ruggieri, già conosciuto dalla Comunità ecclesiale diocesana, perché è intervenuto all’inizio dell’anno pastorale al Teatro “Orione” per relazionare sulle parole chiave dell’Esortazione apostolica del santo Padre Francesco, questa volta è intervenuto nel contesto di una riflessione, già avviata nella nostra Chiesa di Palermo, sulla ricaduta sociale del Vangelo, tutta la comunità diocesana nelle sue varie componenti che si è svolta presso la Parrocchia di Santa Luisa di Marilllac.

Don Ruggieri ha declinato il tema: “Il contributo dei cristiani a loro tempo” a partire dal n. 53 “di Evangelii Gaudium”. “Oggi c’è un tempo cristiano? È questa la domanda da cui dobbiamo partire” – ha detto don Ruggieri – “I cristiani hanno qualcosa da dire e da mostrare perché chiamati a cambiare il tempo. Il tempo vero è il tempo simbolico che non si vede e non si tocca, ma per chi crede è il tempo vero. Papa Francesco definendo la Chiesa un “ospedale da campo” declina il Vangelo e ci invita a vivere con i sentimenti di Gesù il nostro tempo, cioè con le viscere e siamo chiamati ad operare per la giustizia. Ci sono valori non negoziabili come quello della vita”.

All’incontro moderato dal Direttore dell’ufficio Pastorale Diocesano don Carmelo Torcivia è intervenuto l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice il quale ha affermato: “Nel magistero di Papa Francesco si parla di ritornare al cuore del Vangelo e alle parole di Gesù ecco perché i cristiani debbono avere gli stessi sentimenti di Gesù che si prende compassione delle membra del suo popolo. Oggi il sistema crea scarti e quindi la Chiesa deve agire nelle membra dell’uomo e curarle”.

Il prossimo incontro su: “La comunione ecclesiale nel soffio dello Spirito” sarà tenuto venerdì 15 febbraio 2019 da don Roberto Repole.

 

NOTIZIE DIOCESIPA

1. Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone

Papa Francesco, sin dall’inizio del suo Pontificato, ha più volte denunciato con forza il traffico di esseri umani, definendolo «un crimine contro l’umanità» e spronando tutti a combatterlo e a prendersi cura delle vittime. Facendo proprio l’appello del Santo Padre il Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti, il Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, le Unioni internazionali femminili e maschili dei Superiori Generali (UISG e USG), dal 2015, promuovono una Giornata Internazionale di preghiera e riflessione contro la tratta di persone.

La quinta Giornata, curata dall’USMI Sicilia, e la Festa di Santa Giuseppina Bakhita schiava sudanese, liberata e divenuta religiosa canossiana, canonizzata nel Duemila, a Palermo sarà celebrata, venerdì 8 febbraio 2019, nella Cattedrale, alle ore 21 ed ha come tema: “Insieme contro la tratta di persone”.

L’obiettivo è innanzitutto quello di creare, attraverso questa Giornata, maggiore consapevolezza del fenomeno e riflettere sulla situazione globale di violenza e ingiustizia che colpisce tante persone, che non hanno voce, non contano, non sono nessuno: sono semplicemente schiavi. Al contempo provare a dare risposte a questa moderna forma di tratta di esseri umani, attraverso azioni concrete. Per questo è fondamentale, da un lato, ribadire la necessità di garantire diritti, libertà e dignità alle persone trafficate e ridotte in schiavitù e, dall’altro, denunciare sia le organizzazioni criminali sia coloro che usano e abusano della povertà e della vulnerabilità di queste persone per farne oggetti di piacere o fonti di guadagno. “La tratta delle persone è un crimine contro l’umanità. Dobbiamo unire le forze per liberare le vittime e per fermare questo crimine sempre più aggressivo, che minaccia, oltre alle singole persone, i valori fondanti della società e anche la sicurezza e la giustizia internazionali, oltre che l’economia, il tessuto familiare e lo stesso vivere sociale”.  Papa Francesco, 12 dicembre 2013

La tratta di esseri umani è una delle peggiori schiavitù del XXI secolo. E riguarda il mondo intero. Secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil) e l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (Unodc) circa 23 milioni di persone, spesso povere e vulnerabili, sono vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale o lavoro forzato, espianto di organi, accattonaggio forzato, servitù domestica, matrimonio forzato, adozione illegale e altre forme di sfruttamento. Le vittime di traffico di esseri umani e riduzione in schiavitù; il 60 per cento sono donne e minori. Spesso subiscono abusi e violenze inaudite. D’altro canto, per trafficanti e sfruttatori la tratta di esseri umani è una delle attività illegali più lucrative al mondo: rende complessivamente circa 32 miliardi di dollari l’anno ed è il terzo “business” più redditizio, dopo il traffico di droga e di armi.

Da molti anni, la Chiesa cattolica, e in particolare le congregazioni religiose femminili, operano in molte parti del mondo, per sensibilizzare su questo vergognoso fenomeno, prevenire il traffico di esseri umani, denunciare trafficanti e sfruttatori e soprattutto aiutare e proteggere le vittime. Con l’avvento di Papa Francesco, una maggiore attenzione al tema della tratta è stata manifestata con più forza e si è concretizzata in una serie di azioni e iniziative anche dei Dicasteri Vaticani.

Per informazioni: Usmi Sicilia Ufficio Comunicazione, Sr. Fernanda Di Monte, Figlia di San Paolo, Giornalista, Cell. 333/9483530 – Ufficio Pastorale, Sr. Valeria Gandini, Comboniana, Missionaria, Cell. 393 09164374.

Equipé Organizzativa: Madre Ausilia Maniscalco, Presidente USMI, Sicilia; Madre Vincenza Iacuzzi, vicepresidente, sr. Cristina Dimitru, sr. Fernanda Di Monte, sr. Valeria Gandini, sr. Antonella Orlando, Marisa Sollima, fra Loris, sr Gabriella Voza.

2. Anticipato l’incontro Vescovo Nubendi in Cattedrale

L’ufficio diocesano di pastorale familiare comunica che il prossimo incontro del Vescovo con i Nubendi previsto per venerdì 15 febbraio 2019 viene anticipato a giovedì 14 febbraio 2019 in Cattedrale, sempre alle ore 21. I responsabili dei percorsi sono pregati di comunicare la partecipazione all’incontro del 14 febbraio 2019 (entro domenica 10 febbraio).

I prossimi incontri  in calendario sono il Giovedì 7 marzo 2019 e venerdì 10 maggio 2019.

I Direttori Lia e Giuseppe Re (340/6034140) e don Alerio Montalbano.

 

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

1. “Il pettegolezzo>” tra malizia e superficialità

Lunedì 11 febbraio 2019, in tutte le librerie esce il volume di don Leoluca Pasqua “Il pettegolezzo” tra malizia e superficialità, edizioni Paoline, mentre a Palermo verrà presentato ufficialmente venerdì 22 febbraio 2019, alle ore 17.30 presso la sala Alberione della Libreria Paoline in corso Vittorio Emanuele, 456. Interverranno suor Fernanda Di Monte e don Antonio Mancuso.

Che cosa è il pettegolezzo? Quali sono le sue cause, le dinamiche e le conseguenze che esso procura? Si può guarire dal pettegolezzo contribuendo a risanare la nostra “società pettegola”? A queste domande vuole rispondere il presente volume, che parte dalla constatazione che anche le parole uccidono quando, cariche di menzogna e di malizia, non sono più a servizio del bene e della verità. É urgente allora ridare dignità alla parola, attraverso un itinerario ascetico, che alla luce della Parola di Dio e dei grandi maestri di spiritualità, possa aiutare a riscoprire la potenza benefica della parola, la sua straordinaria capacita di creare vita, la sua più alta vocazione ad essere ponte e non ostacolo nella costruzione di autentiche relazioni.

Leoluca Pasqua è nato a Corleone (Palermo) nel 1967. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali (Università di Udine), ha studiato Teologia alla Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia. Sacerdote della Diocesi di Palermo, attualmente è padre spirituale nel Seminario Arcivescovile e Vicario Episcopale. Ha scritto: L’inganno della magia. (2007); La preghiera che libera. (2007); Lottare per vivere. Il combattimento spirituale (2008); Dal Rancore al perdono (2015); Fatta per amore. La correzione fraterna (2016). Alcuni dei suoi libri sono tradotti in diverse lingue.

 2. “A pregare s’impara pregando”. Catechesi itinerante sulla preghiera

Il percorso promosso dall’Ufficio di Pastorale Giovanile e dal Centro Diocesano Vocazioni dell’Arcidiocesi di Palermo questa settimana farà tappa a Misilmeri presso la Parrocchia “Cuore Immacolato di Maria” dove giovedì 7 febbraio alle ore 18.30 si terrà la catechesi di P. Carlo Aquino e della prof. Enza Maria Mortellaro dal titolo: “La preghiera è importante per la tua vita?”; mentre venerdì 8 febbraio alle ore 21.00 presso la Parrocchia “Maria SS delle Grazie” – Conte Federico a Palermo sarà tenuta la catechesi sul tema: “Io prego quando…”. Durante gli incontri sarà disponibile il libro “A pregare s’impara pregando” che da il nome al percorso. info su: www.wecanhope.it

 3. Presentazione libro “L’altro Risorgimento”

Giovedì 7 febbraio 2019, alle ore 17 nella sala Alberione di corso Vittorio Emanuele, 456 a Palermo si presenta il volume “L’altro Risorgimento” – Alle origini dell’Azione Cattolica per una biografia di Giovanni Acquaderni, di Ernesto Preziosi, edizioni San Paolo. Sarà presente l’autore,

Intervengono l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice, il vice presidente nazionale dell’Azione Cattolica, Giuseppe Notarstefano, il  presidente diocesano dell’Azione Cattolica, Giuseppe Belanti e il vice direttore della Caritas diocesana Mario Sedia. Introduce e modera suor Fernanda Di Monte, giornalista.

 4. Manifestazione a favore dell’Unione Italiana lotta alla distrofia muscolare

La sezione di Palermo dell’Unione Italiana lotta alla distrofia muscolare e la Parrocchia Maria SS Madre della Misericordia di Palermo organizzano la presentazione di poesie di Pina Corso “Raggio di luce”.

L’iniziativa avrà luogo sabato 9 febbraio 2019, alle ore 16 nei locali parrocchiali in via Liguria, 6 a Palermo. Prevista la partecipazione del maestro e violinista Aldo Mausner, Marco Guella cantante e pianista e il gruppo musicale “I Baidans” di Salvatore Carrubba.

“La manifestazione è finalizzata alla raccolta fondi – spiega il parroco don Alessandro Manzone – per sostenere le attività di assistenza sanitaria ed integrazione sociale svolte dall’Associazione per le persone con distrofia muscolare”.

 

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

1. Giornata della Raccolta del Farmaco

Dal 2000 ogni anno, il secondo sabato di febbraio, in tutta Italia, migliaia di volontari di Banco Farmaceutico sono presenti nelle oltre 3.600 farmacie aderenti, e invitano i cittadini a donare farmaci per gli Enti assistenziali della propria città: è la GRF – Giornata Nazionale di Raccolta del Farmaco. Ogni Ente viene convenzionato ad una o più farmacie in cui sono raccolti esclusivamente farmaci senza obbligo di prescrizione. Quest’anno la Giornata della Raccolta del Farmaco, giunta alla XIX edizione avrà luogo sabato 9 e lunedì 11 febbraio 2019.

In 17 anni la Giornata di Raccolta del Farmaco ha raccolto oltre 4.500.000 farmaci, per un controvalore commerciale di circa 26 milioni di euro. L’ultima edizione, che ha avuto luogo l’11 febbraio 2017, ha visto il coinvolgimento di 3.851 farmacie e oltre 14.000 volontari; dei farmaci raccolti hanno beneficiato oltre 578.000 persone assistite dai 1.721 Enti convenzionati con Banco Farmaceutico.

Lo scopo di questa raccolta di farmaci è servire i più bisognosi nel campo della salute, fornendo loro farmaci non dispensati del Servizio Sanitario Nazionale ma estremamente utili in moltissime patologie. Sono farmaci a totale carico dell’acquirente e svariano dagli antidolorifici agli antipiretici, dagli antinfiammatori ai prodotti pediatrici di uso comune. Il Banco Farmaceutico ha come missione la raccolta e la somministrazione di questi farmaci alla popolazione più bisognosa.

Il Banco Farmaceutico è presente in 101 province italiane ed attraverso la Giornata Nazionale della Raccolta del Farmaco, intende soddisfare, sempre meglio, la domanda di farmaci che continuamente gli Enti assistenziali richiedono.

Il bisogno di farmaci non riguarda più solo immigrati e profughi, ma sempre più persone e famiglie italiane. La povertà sanitaria è una emergenza con la quale siamo costretti a fare i conti quotidianamente.

Da questa consapevolezza nasce l’attività della Fondazione Banco Farmaceutico onlus, non solo per l’organizzazione della Giornata di Raccolta del Farmaco, ma anche per un più vasto sostegno al bisogno. L’impegno si è quindi esteso al recupero dei farmaci provenienti dalle aziende farmaceutiche (ormai sono più di una trentina le aziende che donano farmaci stabilmente) e avviando, all’interno delle farmacie aderenti al sistema di Banco Farmaceutico, un servizio innovativo come il “recupero dei farmaci validi non scaduti” donati dai privati.

2. Gruppo Santa Maria di Cana: Separati, divorziati non risposati né conviventi

Domenica 10 febbraio 2019, alle ore 17.10, appuntamento del Gruppo Santa Maria di Cana: Separati, divorziati non risposati né conviventi in via Ammiraglio Rizzo n. 25, nell’oratorio della Parrocchia Maria SS della Lettera. Il parroco don Antonino Rocca condurrà l’incontro. Alle ore 19 la celebrazione eucaristica, per chi volesse partecipare. L’incontro è aperto a tutti coloro che vogliono accompagnare le famiglie ferite dalla separazione.

Per informazioni 328/5330997.

 3. A Cefalù il convegno regionale sul primo annuncio alla famiglia

“Il primo annuncio alla famiglia per generare nella Fede con la comunità” è il tema del convegno regionale organizzato dall’Ufficio per la Dottrina della Fede e la catechesi e dall’Ufficio di pastorale familiare della Conferenza Episcopale Siciliana.

L’incontro si svolgerà dal 22 al 24 febbraio all’Hotel Santa Lucia “Le sabbie d’oro” di Cefalù.

 4. Sul Tgweb si parla dell’incontro di formazione a Santa Luisa di Marillac

A Santa Luisa di Marillac la riflessione del teologo Giuseppe Ruggieri, ritorna la Giornata della Raccolta del Farmaco giunta alla XIX edizione e azzardo per una svolta istituzionale a tutela della persona e del bene comune. A Palermo il Convegno nazionale organizzato delle Fondazioni Antiusura del Meridione d’Italia. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.

Guarda il Tgweb: https://www.youtube.com/user/tgwebdiocesip4.