Lorefice su don Luigi Sturzo: “Attualizzarne la lezione in un Paese che ha bisogno di essere animato da spiritualità civica e carità politica”

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

IN QUESTO NUMERO

 IN PRIMO PIANO

  • Lorefice su don Luigi Sturzo: “Attualizzarne la lezione in un Paese che ha bisogno di essere animato da spiritualità civica e carità politica”

NOTIZIE DIOCESIPA

  • Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani
  • In Cattedrale incontro Vescovo – Nubendi

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

  • A Baida il Convegno liturgico annuale: “No a protagonismi individualisti”
  • Festa di San Giovanni Bosco il Santo dei giovani e della gioia
  • Il Giorno della Memoria visto dalla Sicilia
  • “Shoah conoscere per non dimenticare

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

  • Palermo, nella chiesa San Giovanni Decollato mostra sul volontariato
  • Al Centro “Dipingi la pace” inaugurazione sala conferenze intitolata ad Alda Merini
  • Sul Tgweb la Giornata della Gioventù a Panama

__________________________________________________________

IN PRIMO PIANO

1. Mons. Lorefice su don Luigi Sturzo: “Attualizzarne la lezione in un Paese che ha bisogno di essere animato da spiritualità civica e carità politica”

“Attualizzare la lezione e la testimonianza dei fratelli Sturzo nel nostro Paese che ha bisogno di essere animato da una spiritualità civica e carità politica”. Così l’arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, intervenuto al convegno sul “Centenario del Partito popolare italiano. Luigi e Mario Sturzo: il progetto cristiano di democrazia”, svolto alla Facoltà teologica di Sicilia. L’arcivescovo si è detto grato per questo spazio di ricerca e riflessione. “La ricca e poliedrica figura dei due fratelli Sturzo è affascinante oggi come negli anni in cui hanno operato. Fratelli legati dal sangue come dalla stessa esperienza ecclesiale gli Sturzo. Luigi in particolare ha studiato nel Seminario di Noto a me caro – ha aggiunto – alla scuola di mons. Blandini”.

Mons. Lorefice si è pure soffermato sulla distinzione fra fede e politica su cui si fondava l’impegno politico di Sturzo, che “ha fondato un partito ispirato dalla dottrina sociale cristiana ma riscattato da ogni mentalità clericale senza essere laicista”.

Per il preside della Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia “San Giovanni Evangelista” don Francesco Lomanto: “I tre giorni di convegno con il lungo lavoro di ricerca e di approfondimento condiviso da più di 40 esperti di diverso orientamento e provenienti da tutt’Italia, sono un contributo che viene offerto a tutti, per una più profonda conoscenza del progetto cristiano di democrazia di Luigi e Mario Sturzo”.

Un contributo offerto a tutti: alla Chiesa, agli studiosi e al mondo della politica, che ha avuto l’originalità di celebrare il Centenario mettendo in relazione i due fratelli Sturzo, entrambi impegnati, fin dai tempi della nascita del periodico “La Croce di Costantino”, nell’elaborazione culturale che porterà Luigi a fondare il Partito popolare nel 1919. Il convegno ha dato voce anche all’indagine locale attraverso lo studio degli archivi delle Chiese locali e alla produzione scientifica del vescovo Cataldo Naro che aveva proposto interessanti chiavi di lettura, oggi particolarmente attuali, su quegli elementi di novità che i due fratelli Sturzo con sapiente creatività seppero introdurre nei rispettivi ambiti della loro azione per contribuire a dare una svolta in senso cristiano alla democrazia e alla cultura dei loro difficili tempi soprattutto nel rapporto con la modernità.

Sulla necessità di non sterilizzare il progetto sturziano si è soffermato Gaspare Sturzo, pronipote di Luigi e Mario e presidente del Centro Internazionale di studi Sturzo, che ha arricchito il suo intervento dello sguardo inedito e privato dei ricordi di famiglia, tra cui alcuni aneddoti sul passaggio di informazioni che, grazie a suo nonno Guglielmo, durante il fascismo avveniva tra la rete clandestina, Luigi in esilio e il vescovo Mario.

“L’intuizione di Luigi Sturzo rivela ancora oggi la sua attualità e la sua efficacia” – ha detto l’arcivescovo emerito di Monreale Salvatore Di Cristina che ha presieduto l’ultima sessione dei lavori del Convegno.

“Ogni epoca deve tirare fuori da se stessa le risorse e i valori su cui organizzare la vita sociale assumendosene la responsabilità senza pensare di fotocopiare il passato – ha puntualizzato il vescovo  di Acireale e vice-presidente della CEI Antonino Raspanti –  Di Sturzo colpisce ancora oggi la forza del suo pragmatismo, l’efficacia e il realismo della sua proposta di un ‘popolarismo concreto’, per nulla visionario che non illude i cittadini di realizzare il paradiso in terra, non cede all’utopia che come sappiamo ha portato al fallimento dei totalitarismi. Va oltre lo stesso liberalismo ormai alle corde. Il realismo della sua intuizione – ha aggiunto mons. Raspanti – paradossalmente viene dalla sua fede e da quel sapere teologico che sorregge senza invadere la sua visione politica, dandogli quella capacità di saper distinguere, il senso della distanza e della distinzione che rappresentano ancora oggi un patrimonio morale e politico”.

NOTIZIE DIOCESIPA

1. Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani

Sul tema: “Cercate di essere veramente giusti” si spiegherà la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani che ritorna puntuale come ogni anno a gennaio. Un programma abbastanza denso di impegni predisposto dall’Ufficio diocesano per l’Ecumenismo e il dialogo interreligioso, diretto da don Piero Magro insieme alla Chiesa evangelica luterana, Chiesa Anglicana, Chiesa Evangelica Valdese Metodista, Eparchia Piana degli albanesi, Chiesta cristiana Avventista, Patriarcato Ortodosso di Romania Patriarcato Ortodosso di Costantinopoli, Patriarcato Ortodosso di Mosca e Chiesa Evangelica della Riconciliazione.

Si è iniziato giovedì 17 gennaio 2019, presso la Parrocchia Stella Maris al Porto, con la Giornata del dialogo Ebraico – Cristiano. Commenti al Libro di Ester, martedì 22  gennaio 2019 la celebrazione Ecumenica nella Parrocchia S. Antonio di Padova all’Arenella via San Vincenzo De Paoli a Palermo, guidata dal Parroco don Francesco Di Pasquale; venerdì  25  gennaio 2018 alle ore 18 Giornata del Padre Nostro – Preghiera Ecumenica Parrocchia San Giuseppe via Papa Giovanni Paolo II, 29 a Villabate con la presenza dell’Arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice.

 2. In Cattedrale incontro Vescovo – Nubendi

L’Ufficio Diocesano di Pastorale per la famiglia organizza il consueto incontro mensile del Vescovo con i fidanzati che in questo periodo si preparano al Matrimonio nei vari percorsi parrocchiali e non. L’incontro si terrà venerdì 25 gennaio 2019, alle ore 21 nella Chiesa Cattedrale. L’Arcivescovo, don Corrado Lorefice vuole dedicare a tutti coloro che si preparano alla celebrazione del Sacramento del Matrimonio una particolare benedizione e un ringraziamento  al Signore per la vocazione al Matrimonio e ricordare che il Matrimonio insieme al sacramento dell’Ordine conferiscono una missione particolare nella Chiesa e servono all’edificazione del popolo di Dio.

Inoltre invita la Chiesa di Palermo ad accompagnare, discernere e integrare e prenderci cura delle nuove famiglie che si formano perché la loro unione sia fortificata dalla Grazia del Sacramento, accompagnate dalla comunità ecclesiale. L’incontro con il Vescovo si concluderà con un dono offerto dall’Ufficio Pastorale e un momento di fraternità.

“Si invitano i parroci e gli operatori pastorali ad accompagnare i fidanzati come momento vivo di comunione ecclesiale – affermano i direttori Lia e Giuseppe Re e don Alerio Montalbano –  facendo preparare qualche domanda o intervento, e se è possibile portare bibite e dolci da condividere alla fine dell’incontro con semplicità e letizia. I responsabili dei percorsi sono pregati di comunicare la partecipazione all’incontro, per meglio organizzare l’accoglienza”.

Queste le altre date degli incontri Vescovo Nubendi: 15/2/2019 – 7/3/2019 – 10/5/2019

Info: Lia e Giuseppe Re (340/6034140) e don Alerio Montalbano.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

1. A Baida il Convegno liturgico annuale: “No a protagonismi individualisti”

“La musica sacra ha il compito di donarci la bellezza di Dio, per questo non deve mai cadere in banalità e superficialità”. E’ quanto affermato da Papa Francesco nel discorso ai partecipanti al Convegno internazionale sulla Musica Sacra, il quale ha proseguito: “La musica sacra e il canto liturgico hanno il compito di donarci il senso della gloria di Dio, della sua bellezza, della sua santità che ci avvolge come una nube luminosa”. Gli stessi concetti sono stati espressi domenica scorsa, durante il XX convegno annuale organizzato dalla Commissione Liturgica Sezione Musica, diretta dalla prof. Valeria Trapani che si è tenuto domenica scorsa presso il Convento francescano di Baida sul tema: “Gareggiate nello stimavi a vicenda” e al quale hanno partecipato oltre un centinaio di animatori della Musica liturgica delle Parrocchie dell’Arcidiocesi di Palermo.

Dopo la preghiera di inizio presieduta dall’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice è seguita la  relazione di Morena Baldacci, docente di Liturgia presso la Pontificia Università Salesiana di Torino sul tema: “Gareggiate nello stimarvi a vicenda”. Suscitare il canto dell’assemblea tra passività ed esibizione. “Durante la celebrazione bisogna commuoversi – ha detto l’esperta – per riscoprirvi icona e testimoni della Fede. Il vostro compito è quello di aiutare l’assemblea a cantare per contagio”.

Al termine si è svolto un dibattito dal quale sono emersi alcuni atteggiamenti da evitare assolutamente come i protagonismi individualisti, la sfiducia e il disincanto, il relativismo e la mondanità spirituale. “Occorre una relazione tra coro e assemblea di cui sentirsi parte integrante – ha affermato nel suo intervento la prof. Valeria Trapani – vivendo la dimensione celebrativa, pertanto”.

Nel pomeriggio si sono svolti i laboratori sulla “Vocalità” a cura del maestro Pietro Gizzi e “Animazione dell’assemblea” a cura del maestro Luigi Balistreri.

 2. Festa di San Giovanni Bosco il Santo dei giovani e della gioia

La Parrocchia di San Giovanni Bosco, guidata da don Giuseppe Calderone, organizza i festeggiamenti in onore del Santo patrono che si svolgeranno dal 24 al 31 gennaio 2019.

Si inizia giovedì 24 gennaio alle ore 17.30 con una celebrazione Eucaristica presieduta da don Ugo Di Marzo, parroco della Parrocchia Maria SS. delle Grazie – Roccella. Venerdì 25 gennaio alle ore 17.30 la celebrazione Eucaristica sarà presieduta da don Benedetto Genualdi, Vicario episcopale del 1° vicariato e al termine il Concerto gospel Coro “Holy Light”.

Sabato 26 gennaio alle ore 17.30 celebrazione Eucaristica presieduta da don Antonio Mancuso, Vicario episcopale del 5° vicariato e al termie Cex Show: “Umorismo & Vangelo” Mission possible.

Domenica 27 gennaio celebrazioni Eucaristiche alle ore 9.30 e alle ore 11.30.

Lunedi 28 gennaio alle ore 17.30 celebrazione Eucaristica presieduta da don Arnaldo Riggi SDB, Coordinatore attività pastorali “Don Bosco – Ranchibile” e alle ore 21 il Concerto del “Gospel Project Choir”.

Martedì 29 gennaio alle ore 17.30 celebrazione Eucaristica presieduta da don Massimiliano Lo Chirco, Vice Direttore Diocesano dell’Ufficio di Pastorale Giovanile.

Mercoledì 30 gennaio, alle ore 14.30 Triangolare di calcetto “Trofeo San Giovanni Bosco” presso il campetto Beato Pino Puglisi, alle ore 17.30 celebrazione Eucaristica presieduta da don Gaetano Gulotta, Direttore Regionale dell’Ufficio di Pastorale Giovanile e al termine il concerto del “Trio Hohenberg”.

Giovedì 31 gennaio alle ore 17.30 celebrazione Eucaristica presieduta da don Paolo Caltabiano SDB, Delegato Regionale dei Salesiani Cooperatori. Al termine della celebrazione, nel salone parrocchiale, premiazione del torneo di calcetto e condivisione con tutti della “Minestra di Don Bosco”.

 3. Il Giorno della Memoria visto dalla Sicilia

“Il Giorno della Memoria visto dalla Sicilia, una riflessione tra passato e presente” è l’iniziativa organizzata da Radio Spazio Noi in Blu unitamente all’Istituto Siciliano di Studi Ebraici e alla Biblioteca Centrale.

All’evento che si terrà giovedì 24 gennaio alle 16.30, presso la Sala Consultazione della Biblioteca Centrale della Regione, in via Vittorio Emanuele 429 interverranno mons. Salvatore Di Cristina, Carlo Pastena, Rita Calabrese, Matteo Di Figlia, Alessandro Hoffmann e Giuseppe Verde.

A conclusione, lo Yankele Ensemble eseguirà un Concerto di Musiche dal popolo ebraico.

Le Parole e il Concerto andranno in onda su Radio Spazio Noi InBlu e in streaming sul nostro sito: il Concerto lunedì 28 e giovedì 31 gennaio, sabato 2 febbraio alle 20.00, mentre le Parole martedì 29 gennaio, venerdì 1, martedì 5 e giovedì 7 febbraio sempre alle 20.

4. “Shoah conoscere per non dimenticare”

Venerdì 25 gennaio 2019, alle ore 21 nella parrocchia di Sant’Antonio di Padova, all’Arenella guidata da don Francesco Di Pasquale, avrà luogo la performance “Shoah conoscere per non dimenticare”.

Attori: Bianca Catanzaro, Irene Ponte, Annalisa Marino, Giovanna Camarda, Peppino Mongiovì e Pietro Moheb. Chitarra e voce Gusi Messina, Cantante Sara Lucido, violino Giuseppe Zaami. Con la partecipazione del coro parrocchiale diretto dal maestro Vincenzo Zaami, organista Antonella Fontana.

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

1. Palermo, nella chiesa di San Giovanni Decollato mostra sul volontariato

Fotografie di uomini e donne che hanno fatto del volontariato la propria carta di identità, è questa la tematica principale della mostra “Ri-volti. Venti volti. Venti di rivoluzione” allestita nella chiesa di San Giovanni decollato a Palermo.

Venti scatti di Fabio Giannetto, palermitano di nascita, londinese d’adozione. Uno spaccato del volontariato palermitano, di chi ha deciso di rimboccarsi le maniche per fare dell’inclusione sociale un progetto di vita. Nella mostra curata da Francesco Piazza i ritratti fotografici di Mario Affronti, Michela Alamia, Anna Alonzo, Maurizio Artale, Fiammetta Borsellino, Emilia Carroccio, Silvana e Giovanni Farella, Rino Martinez, Fausto Melluso, Stefania Petyx, Gessica Riccobono, Nino Rocca, Benedetta Rotolo, Enzo Sanfilippo, Cosimo Scordato, Beppe Sicari, Marco Siino, Domenico Spatola, Nino Spitalieri, Francesca Vannini, Emanuela Martorana, Luciana Zerilli, Andrea Sapienza.

“La presenza del volontariato che lavora nei quartieri più poveri di Palermo – afferma don Cosimo Scordato, rettore della chiesa di San Francesco Saverio all’Albergheria – è la testimonianza di un’anima che pulsa. Il volontariato non ci tiene a mostrarsi, ma è attraverso il volontariato ci si prende cura di una città”.

2. Al Centro “Dipingi la pace” inaugurazione sala conferenze intitolata ad Alda Merini

Sabato 26 gennaio 2019, alle ore 20, verrà inaugurata la Sala Conferenze intitolata ad Alda Merini, poetessa, presso il Centro Dipingi la Pace di piazza della Pace n. 3 a Palermo. Seguirà il concerto dell’orchestra sinfonica diretta dal maestro Gaetano Colajianni.

La sala Conferenze potrà essere utilizzata per incontri spirituali, lectio divina, mostre d’arte, presentazione libri, attività culturali e sociali.

Per prenotarne l’uso chiamare il 339/2187764 – 338/9205781.

 3. Sul Tgweb la Giornata della Gioventù a Panama

La veglia in collegamento con Panama per la Gmg, le iniziative in diocesi per la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani e il Convegno liturgico annuale giunto alla XX edizione. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.

Guarda il Tgweb: https://www.youtube.com/user/tgwebdiocesipa