Marcia per la Pace 2018: “Accogliere, promuovere, proteggere e integrare”

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

IN QUESTO NUMERO
IN PRIMO PIANO
  • Marcia per la Pace 2018: “Accogliere, promuovere, proteggere e integrare”
NOTIZIE DIOCESIPA
  • In Cattedrale il conferimento di ministeri ai seminaristi
  • L’Arcivescovo celebra a palazzo delle Aquile la Messa di inizio anno
  • Celebrazione dell’Epifania in Cattedrale
  • “Angeli della Notte”
NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
  • A Baida il Corso di aggiornamento del Clero
  • Laboratorio diocesano per giovani coppie “La bottega dell’Orefice”
  • Alla Focacceria San Francesco distribuzione gratuita di prodotti tipici agli indigenti
  • Morta la mamma del diacono Pino Amato
AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
  • In Sicilia l’Ucsi fissa le linee guida per il 2018. La festa del patrono sarà celebrata a Palermo
  • Sul Tgweb le ordinazioni presbiterali
__________________________________________________________________________
IN PRIMO PIANO
1. Marcia per la Pace 2018: “Accogliere, promuovere, proteggere e integrare”
“Accogliere, promuovere, proteggere e integrare” questo lo slogan che ha accompagnato decine di associazioni, volontari, laici, parrocchiani, semplici cittadini in occasione della marcia per la Pace 2018. Un grande evento ecumenico, organizzato dall’Arcidiocesi di Palermo, la Comunità di Sant’Egidio e la Chiesa Valdese per la cinquantunesima Giornata Mondiale della Pace.
Al centro delle iniziative il popolo di Danisinni, un quartiere spesso etichettato come ghetto che vuole rinascere, anche grazie alle iniziative di frate Mauro Billetta, parroco di Sant’Agnese. “Un popolo di cercatori di pace – spiegano gli organizzatori – che fa parte di molte associazioni di ispirazione diversa, dall’umanesimo laico a quello cristiano, ma che si ritrova insieme per testimoniare una idea di città come comunità, al di là delle divisioni”.
Il raduno ha avuto luogo nel cuore dei Danisinni, davanti alla parrocchia Sant’Agnese, per lanciare un messaggio di pace. Il corteo si è poi snodato verso la Cattedrale, dove alle 18 è stata celebrata una liturgia per la pace nel mondo. La marcia è stata aperta dai migranti e dalle famiglie di profughi siriani, giunti con i corridoi umanitari e ospiti presso le strutture del Centro Diaconale Valdese “La Noce”. Hanno aderito all’iniziativa il Centro Diaconale “La Noce”, l’Ordine Francescano Secolare dei Cappuccini, la Parrocchia Santa Maria della Pace, il Festival delle Letterature Migranti, il Movimento dei Focolari, i Laici Comboniani, il Centro studi Pedro Arrupe, l’Osservatorio Migranti, Centro Padre Nostro, l’Associazione Padre Giuseppe Puglisi. Sì, ma verso dove, l’Ufficio per le Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi, le Suore Paoline, il Centro d’Iniziativa Democratica degli Insegnanti, il Movimento Cristiano Lavoratori, il Centro aiuto alla vita e l’Associazione culturale polizia municipale di Palermo.

NOTIZIE DIOCESIPA
1. In Cattedrale il conferimento di ministeri ai seminaristi
Venerdì 5 gennaio 2018, l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice, conferirà i ministeri del Lettorato e dell’Accolitato ai seminaristi nel corso di una celebrazione che si svolgerà in Cattedrale alle ore 18.
Saranno ammessi al ministero del lettorato, Giuseppe Antonio India, della parrocchia Immacolata Concezione in Ventimiglia di Sicilia, Gaetano Marsiglia, della parrocchia S. Giovanni Apostolo in Palermo, Emanuele Spanò, della parrocchia San Basilio in Palermo, Salvatore Teresi, della parrocchia SS. Salvatore in Termini Imerese, e al ministero dell’Accolitato Salvatore Maria De Pasquale, della parrocchia Santa Luisa de Marillac in Palermo, Giuseppe Fricano, della parrocchia Santo Sepolcro in Bagheria e Andrea Iacolina, della parrocchia San Giovanni Apostolo in Palermo.

2. L’Arcivescovo celebra a palazzo delle Aquile la Messa di inizio anno
Venerdì 5 gennaio 2018, alle ore 11, l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice, celebrerà la messa di inizio anno a palazzo delle Aquile alla presenza del sindaco Leoluca Orlando e delle altre personalità civili e militari.
Sabato 6 gennaio 2018, solennità dell’Epifania del Signore celebrerà la Messa dei popoli e infine domenica 7 gennaio 2018, alle ore 11, sempre in Cattedrale, mons. Lorefice amministrerà il sacramento del Battesimo ai bambini.

3. Celebrazione dell’Epifania in Cattedrale
“Con la nascita di Gesù – spiega il responsabile dell’Ufficio Migrantes p. Sergio Natoli omi – abbiamo celebrato la presenza dell’Emmanuele nella vita e nella storia di ogni uomo e di ogni popolo. Con l’Epifania celebriamo la manifestazione della Signoria di Gesù come Salvatore del mondo. I poveri pastori ed i Magi lo accolgono e lo adorano come Signore”.
Il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, alle ore 11, nella Cattedrale di Palermo si rinnoverà il rito dell’incontro e dell’adorazione del Verbo della vita come afferma la Parola di Dio: “Tutti i popoli verranno ad adorare”. La celebrazione Eucaristica, presieduta dall’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice, sarà animata dalla corale “Arcobaleno di popoli” e farà cogliere la bellezza e la vitalità del Vangelo, oggi viene a noi anche attraverso il fenomeno migratorio.  L’incontro di cristiani di comunità e Paesi diversi, rende visibile e maggiormente comprensibile la cattolicità della Chiesa particolare presente nel medesimo territorio.
Papa Francesco nel suo messaggio per la giornata mondiale del migrante e del rifugiato sollecita i cristiani e tutti gli uomini di buona volontà ad “Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati”.
“La nostra Chiesa di Palermo insieme alla Città di Palermo – aggiunge p. Sergio Natoli omi – esprime l’accoglienza, la protezione, la promozione e l’integrazione dei migranti e dei rifugiati in diversi modi. Ancora c’è da fare nell’organizzazione sociale e culturale dei migranti presenti nella nostra città (37.000) e di quanti continuano ad arrivare attraversando il Mar Mediterraneo. Gesù ha ricevuto la protezione di Giuseppe e Maria per sfuggire alla strage degli in nocenti ordinata da Erode. Oggi altri soggetti dell’economia e della politica in modo diretto ed indiretto come i cambiamenti climatici, fanno fuggire migliaia di uomini e donne dai loro Paesi”.

4. “Angeli della Notte”
Un gruppo di volontari ogni sera si riunisce per portare a termine una missione: garantire un pasto caldo ai senzatetto della città. Sono lavoratori, genitori, figli che svolgono le loro normali attività, senza aspettarsi la gratitudine di nessuno. Si riconoscono subito per la loro divisa color arancio che porta la scritta dell’associazione “Angeli della Notte”. Una Onlus il cui scopo non è soltanto la distribuzione del cibo, ma dare un sorriso, attraverso il dialogo e l’ascolto, a chi è rimasto solo al mondo. Questi angeli non sono muniti di ali, a contraddistinguerli è il forte amore verso il prossimo che li porta a volare di tappa in tappa dove c’è più bisogno.
Gli Angeli della notte dividono le pietanze che loro stessi hanno preparato a casa. Il menu prevede un primo di pasta e lenticchie, secondo di carne o pollo, contorno di patate, rosticceria donata dai panifici, biscotti, acqua, succo di frutta e poi un bicchiere di tè o latte caldo che servono dai thermos.
Gli angeli registrano la presenza di gruppi o singoli senzatetto tramite le segnalazioni che ricevono sulla loro pagina Facebook, e pianificano gli itinerari, dividendo la città su quattro ronde diverse dove incontrano ghanesi, nigeriani, rumeni e tanti italiani che hanno perso il lavoro o sono stati abbandonati dalle famiglie.
Durante il pasto, gli Angeli prestano ascolto alle necessità dei senzatetto e fanno tutto ciò che è in loro potere per soddisfare le richieste e distribuiscono anche coperte e vestiti che vengono donati. Tra i volontari c’è anche suor Anna Alonzo, che da anni porta avanti progetti nel quartiere della Guadagna, e che ripete con forza che di locali inutilizzati a Palermo ce ne sono a volontà per creare centri di accoglienza per i clochard.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
1.  A Baida il Corso di aggiornamento del Clero
Una variazione di programma del Corso di aggiornamento Clero di gennaio sul tema: “La Trinità fonte della comunione ecclesiale di una Chiesa giovane”, il cui relatore sarà don Francesco Conigliaro. La tre giorni non si svolgerà a Città del Mare a Terrasini, ma presso la Casa Diocesana Oasi Card. S. Pappalardo, Baida.
“La forma non sarà più residenziale – dichiara il segretario dell’Ufficio pastorale don Salvatore Amato – ma ci ritroveremo nelle mattine del Martedì 23, Mercoledì 24 e Giovedì 25 Gennaio 2018, dalle ore 9.30 alle ore 13. Sarà possibile fermarsi per il pranzo al costo di 15 euro”.
Per motivi organizzativi si chiede di segnalare la presenza (anche qualora non si volesse fermarsi per il pranzo) alla sign.na Maria Leone, segretaria dell’Ufficio Pastorale Diocesano (tel. 091/6077257 – E-mail: segreteriauffpast@diocesipa.it entro il 9 gennaio 2018.

2. Laboratorio diocesano per giovani coppie “La bottega dell’Orefice”
Dal mese di gennaio 2018, ricomincerà il nuovo laboratorio diocesano per giovani coppie di sposi (1 – 8 anni di matrimonio) “La bottega dell’Orefice”. Il percorso di formazione che sarà guidato da don Salvatore Biancorrosso, si propone di offrire una formazione di tipo biblico – esperienziale e fornire strumenti relazionali per crescere nel rapporto e nella spiritualità coniugale. Verranno affrontate anche alcune problematiche che possono sorgere dalla convivenza matrimoniale.
Chi fosse interessata e desiderate ulteriori informazioni può contattare don Biancorrosso in privato.

3. Alla Focacceria San Francesco distribuzione gratuita di prodotti tipici agli indigenti
Sabato 6 gennaio 2018, Solennità dell’Epifania del Signore, alle ore 10.15, presso l’Antica Focacceria San Francesco di Palermo, avrà luogo la distribuzione gratuita di prodotti tipici agli indigenti della città.
Il Gruppo Feltrinelli, titolare, oggi, dell’azienda e Fabio Conticello, patron della storica bottega di via Alessandro Paternostro, come da secolare tradizione, il giorno dell’Epifania organizzano l’evento al quale hanno invitato le personalità della Città per prendere parte a questo speciale appuntamento che si rinnova nel tempo.

4. Morta la mamma del diacono Pino Amato
Domenica scorsa, dopo una lunga malattia è morta la mamma del diacono Pino Amato. Le esequie si svolgeranno martedì 2 gennaio 2018, alle ore 10 nella Chiesa di San Gaetano a Misilmeri.

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
1. In Sicilia l’Ucsi fissa le linee guida per il 2018. La festa del patrono sarà celebrata a Palermo
Sarà Palermo, “Capitale Italiana della Cultura 2018”, ad ospitare la Festa regionale dei giornalisti il 26 gennaio 2018 in occasione delle ricorrenza di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti.
Lo ha deciso il consiglio regionale dell’Ucsi Sicilia, presieduto da Domenico Interdonato, al termine della riunione che si è svolta sabato 11 novembre, nella sala conferenze di Sicilia Outlet Village di contrada Mandre Bianche di Agira concessa dalla direttrice Anna Resina.
Il consiglio regionale è stato aperto con la riflessione del Consulente ecclesiastico regionale don Paolo Buttiglieri, il quale ha sottolineato che “l’Ucsi è in cammino” e le direttive da percorrere sono un ”maggiore dialogo e una più intensa comprensione”. Il presidente Interdonato nel suo intervento iniziale si è soffermato sulla necessità di fare rete, spronando i dirigenti regionali all’utilizzazione dei social, strumento indispensabile per la comunicazione interna dell’Ucsi e di apertura verso l’esterno, con la condivisione delle news: “I social sono degli strumenti efficaci, che completano la comunicazione tradizionale e noi li dobbiamo utilizzare con razionalità ed efficacia”.
Al consiglio regionale hanno partecipato il vice presidente Rossella Iannello, il segretario Laura Simoncini, i due consiglieri nazionali, Gaetano Rizzo e Salvatore Di Salvo (quest’ultimo anche nella qualità di presidente provinciale di Siracusa), il presidente della Sezione di Palermo Michelangelo Nasca e il presidente della sezione di Patti Domenico Pantaleo. Il consiglio ha anche approvato le direttive per il tesseramento per il 2018, discusso sulle attività delle singole sezioni provinciali e gli appuntamenti dedicati alla formazione professionale. La festa di San Francesco di Sales, patrono dei giornalisti ricorre ogni anno il 24 gennaio.
“Quest’anno per la prima volta la festa regionale di San Francesco di Sales si svolgerà a Palermo – afferma il presidente regionale Domenico Interdonato – dove lo scorso anno è stata ricostituita la sezione provinciale. Sarà una festa per tutti i giornalisti che rifletteranno sulla comunicazione come dialogo e comprensione reciproca”. Un ringraziamento, infine, alla direttrice Anna Resina di Sicilia Outlet Village per la pregiata ospitalità ricevuta, all’agenzia I Press, ad Assia La Rosa e Valentina Cinnirella per l’accoglienza”. Subito dopo il consiglio regionale si è svolta l’assemblea annuale dell’Ucsi. L’assemblea si è conclusa con la preghiera del giornalista.

2. Sul Tgweb le ordinazioni presbiterali
Nel XXX anniversario di ordinazione dell’Arcivescovo, tre giovani seminaristi e un religioso saranno ordinati presbiteri, l’anno prossimo recital su padre Puglisi, un campetto di calcio a 5 per i bambini, si avvera il sogno dei parrocchiani di San Domenico a Bagheria. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.
Guarda il Tgweb