Povertà, la missione della Caritas. Un aiuto per quasi 14 mila famiglie

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

IN QUESTO NUMERO
IN PRIMO PIANO
  • Povertà, la missione della Caritas. Un aiuto per quasi 14 mila famiglie
NOTIZIE DIOCESIPA
  • “Tutto può cambiare” riflessione tra passato e futuro di un uomo che crede nell’uomo
  • Percorso formativo di carattere missionario
NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
  • Celebrazioni nel primo anniversario dell’inaugurazione della cappella dell’adorazione perpetua a Bagheria
  • La reliquia di San Filippo Neri nelle parrocchie
  • La compagnia 3P al Teatro Roma di Bagheria
  • Concerto d’organo nella chiesa di Santa Oliva
  • Serata di Adorazione ed Evangelizzazione di strada
  • “La Carità non avrà mai fine” attraverso i suoi testimoni
AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
  • A Palermo la Marcia per la vita e la famiglia 2018
  • “La Chiesa in dialogo. Nuovi strumenti di evangelizzazione”
  • La sala lignea della Biblioteca Comunale di Palermo intitolata a mons. Baldassare Palazzotto
  • Sul Tgweb la marcia per la vita
__________________________________________________________________________
IN PRIMO PIANO
1. Povertà, la missione della Caritas. Un aiuto per quasi 14 mila famiglie
Quasi 14 mila famiglie della diocesi di Palermo riescono a vivere, cucinare e portare un piatto a tavola grazie al sostegno della Caritas, presente capillarmente nelle parrocchie. Ma sono moltissimi i modi in cui la Chiesa diocesana si fa compagna di viaggio per rispondere ai bisogni più urgenti e alle fragilità di chi vive in questo territorio.
Lo racconta con numeri e casi specifici il primo “Bilancio di missione” della Chiesa di Palermo, curato da tutti i rami della Pastorale sociale e della carità.
“Conoscere e comprendere anche dal punto di vista quantitativo ci aiuta a rappresentare meglio la dimensione di un disagio che, se da un lato aumenta e si approfondisce, dall’altro viene accolto e incontrato – si legge nel documento -. La risposta ecclesiale è una risposta di tutta la comunità, portata avanti attraverso l’impegno di volontariato, gratuità, donazione generosa e utilizzo di risorse pubbliche”.
I dati si riferiscono all’anno 2017 e viene fuori che su 178 parrocchie ben 111 sono dotate di gruppo Caritas, mentre in 82 esistono centri di ascolto, che si aggiungono ai cinque centri diocesani. In 128 parrocchie è attivato il sostegno alimentare, ossia la distribuzione di pacchi-viveri e 3 hanno un servizio mensa (Bocconisti, Cappuccini e Don Orione), due il servizio docce, 30 la possibilità di trovare abiti, due lo sportello cerco-offro lavoro. L’attenzione è rivolta ai bisogni di giovani, anziani, ammalati, migranti. In 9 parrocchie sono presenti volontari che si abbinano ad associazioni che consegnano pasti caldi ai senza dimora. In una è presente un’attenzione particolare per il gioco d’azzardo patologico, in un’altra ci si occupa di donne vittime di tratta, in quattro più la Caritas cittadina di Bagheria ci si rivolge a chi ha problemi di disagio mentale. Nei progetti di sostegno alimentare (Agea) sono coinvolte 36 parrocchie e 11 associazioni, per un totale di 13.693 famiglie sostenute. I centri di ascolto diocesani accompagnano 1.645 famiglie in difficoltà ed hanno effettuato 5.560 colloqui.
Attorno ai servizi gestiti direttamente dalla Caritas o da opere-segno ruota un universo di povertà. Solo alla mensa San Carlo della Locanda del Samaritano, vengono erogati in un anno 121.368 pasti a 428 persone, di cui 325 senza dimora, di nazionalità straniera e italiana.
I progetti messi in campo sono molteplici: dalla casa “San Vincenzo de’ Paoli” per l’accoglienza dei familiari di pazienti fuorisede all’ospedale Civico, alla casa dei padri separati al Centro Agape, dai percorsi di inserimento socio-culturale di migranti con 300 persone coinvolte a quelli di accompagnamento per detenuti e familiari (100 persone) o per i senza dimora (500 persone). Il “Progetto Policoro” per promuovere l’imprenditoria giovanile ha incontrato 180 giovani e avviato 10 iniziative imprenditoriali, mentre il “Prestito della speranza” ha permesso di 320 ascolti con 54 prestiti erogati.

NOTIZIE DIOCESIPA
1. “Tutto può cambiare” riflessione tra passato e futuro di un uomo che crede nell’uomo
Il suo nome è legato alla Comunità di Sant’Egidio, un sodalizio di impegno maturato nelle periferie umane e urbane del mondo. Questa storia così densa di impegni, vissuta con profondità di Fede cristiana da Andrea Riccardi, viene raccontata in “Tutto può cambiare” un libro intervista, anzi una conversazione, con il raffinato teologo don Massimo Naro, docente presso la Facoltà teologica di Sicilia.
Il libro è stato presentato a Palermo nella splendida cornice della Chiesa di Santa Maria della Catena, capolavoro rinascimentale di Matteo Carnalivari, davanti ad un’affollata assemblea, alla presenza dell’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice. L’iniziativa è stata organizzata dall’Arcidiocesi di Palermo, dalle Edizioni San Paolo e dalla Comunità di Sant’Egidio.
Il libro è una riflessione tra passato e futuro di un uomo che crede nell’uomo e che trova soluzioni per vivere la complessità del presente in un cristianesimo moderno rivolto al futuro.
Con garbo e sapienza ne ha illustrato i contenuti lo stesso Andrea Riccardi che, parlando dell’esperienza di Sant’Egidio e dei suoi cinquant’anni dalla fondazione ha ribadito la necessità di essere “consapevoli che il passato c’entra con il presente non meno di quanto il presente c’entri con il passato”.
Riflessione dunque sulle origini ma anche proiezioni sul futuro; un futuro su cui si addensano le paure del cambiamento indotte da una globalizzazione che, troppo spesso, non trova una corretta interpretazione.
Anche Massimo Naro, docente presso la Facoltà teologica di Sicilia, vero e proprio coautore piuttosto che intervistatore, ha dato una sua interpretazione dell’opera evidenziando in modo chiaro dalla lettura delle pagine del libro. Naro ha sottolineato che non si tratta di un libro intervista, ma di un conversare insieme, per incrociare storie e riflessioni nella consapevolezza di puntare ad aspirazioni alte, dove le radici profonde sostanziano l’impegno, nel caso in specie della Comunità di Sant’Egidio. Ed ancora di guardare al lavoro come spinta ad “andare avanti”, culturalmente e spiritualmente guardando alla realtà in trasformazione facendosi soggetti del cambiamento.

2. Al Seminario di Palermo corso di formazione per operatori sanitari
“I segreti dei centenari” è il tema del secondo incontro di formazione che il prof. Mario Barbagallo dell’Università di Palermo terrà mercoledì 18 aprile 2018, alle ore 21, nell’ambito dee corso di formazione “Aspetti etici e sociali nelle problematiche sanitarie”, organizzato dall’Associazione medici Cattolici italiani nell’Aula “Cardinale Ruffini” del seminario Arcivescovile in via dell’Incoronazione a Palermo. La relazioni sarà preceduta dal saluto delle autorità, dal pensiero spirituale di don Giovanni Basile e saranno moderate dal dr. Nicolò Piccione e dal dr. Raffaele Pomo.
Il corso garantisce 17 crediti formativi, validi per tutte le figure professionali di operatori sanitari.
Programma:
23 maggio 2018 – ore 21 “Diabete mellito: epidemia del secolo” – prof.ssa Carla Giordano, Università di Palermo, prof. Domenico Sinagra, Università di Palermo e dott.ssa Angela Vallone, ASP. 6;
13 giugno 2018 – ore 21 “La nuova carta degli operatori sanitari” – dr. Angelo Vecchio, neuropsichiatra;
26 settembre 2018 – ore 21 “Il buon uso del sangue: novità sugli emocomponenti” – dr. Luciano Arrigo medico Associazione donatori di sangue Thalassa, dr. Alfredo Mazzola osp. Civico e dr. Rosanna Turrisi osp. Civico;
17 ottobre 2018 – ore 21 “Lo sviluppo come processo di espansione delle libertà reali” – prof. Vincenzo Fazio, Università di Palermo;
14 novembre 2018 – ore 21 “Emigrazione oggi: aspetti medico sociali” – prof . Giuseppe Montalto, Università di Palermo.
Prevista una visita guidata nei locali e negli ambulatori della missione di Speranza e Carità di Biagio Conte a cura del dr. Francesco Russo da programmare con i discenti.

3. Percorso formativo di carattere missionario
L’Ufficio Diocesano Missionario e il Servizio per la Pastorale Giovanile, organizzano un percorso formativo di carattere missionario, per prepararsi a vivere esperienze di vacanze-servizio in Albania insieme alle sorelle Francescane del Vangelo e in Brasile insieme alle Suore Cappuccine dell’Immacolata di Lourdes.
In previsione di tale appuntamento lunedì 16 aprile 2018, presso la parrocchia Maria SS. Mediatrice di Palermo, alle ore 20.30 si terrà una conferenza sul tema: “Tra uomini fratelli. Con Gesù nostro contemporaneo” Cioè per essere luce, sale, lievito.
Il prossimo incontro avrà luogo il 28 maggio – “Una strada che conduce a Dio. Pellegrini in questo mondo” Cioè il senso dell’andare nella reciproca condivisione.
Info: pastoralegiovanilepalermo@gmail.com – 371/3743064.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI
1. Celebrazioni nel primo anniversario dell’inaugurazione della cappella dell’adorazione perpetua a Bagheria
Una serie di iniziative sono state organizzate in occasione del primo anniversario dell’inaugurazione della cappella dell’adorazione perpetua a Bagheria. Si inizia venerdì 13 aprile 2018, alle ore 19 nella chiesa della Madonna del Carmelo dove si svolgerà una catechesi sull’Eucarestia a cura di fra Elia dal titolo: La mia carne per la vita del mondo”. Si prosegue giovedì 19 aprile 2018, alle ore 21 con una adorazione davanti la chiesetta della Madonna della luce, preceduta da una fiaccolata con partenza da ciascuna parrocchia alle 20.30 che sarà animata dai gruppi giovanili delle parrocchie e i gruppi di RnS. Giovedì 3 maggio 2018, alle 20.30 celebrazione Eucaristica nella Chiesa del Santo Sepolcro presieduta dall’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice, nel primo anniversario dell’inaugurazione della cappella dell’adorazione.

2. La reliquia di San Filippo Neri nelle parrocchie
Al via il fitto programma in vista della festa di San Filippo Neri che culmineranno il prossimo 26 maggio 2018.
Per un mese Palermo sarà interessata da una “peregrinatio” della reliquia di San Filippo Neri, compatrono di Palermo custodita in un reliquiario realizzato da un artigiano palermitano, per coinvolgere le delegazioni di quartiere, le scuole, le parrocchie e tutta la comunità di fedeli attorno alla spiritualità del “Santo della gioia”, venerato dalla Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri nella Chiesa di Sant’Ignazio Martire all’Olivella.
Venerdì 13 aprile, alle ore 10.30, la reliquia di San Filippo Neri sarà accolta nel Salone della VII Circoscrizione, in via Eleonora Duse, dal presidente Giuseppe Fiore, da tutti i consiglieri e dalle scolaresche del quartiere, per un momento di preghiera e di riflessione, con i bambini che leggeranno poesie sulla gioia e un dibattito su educazione e gioventù. Nel pomeriggio, alle ore 17.45, la reliquia sarà accolta nella parrocchia Maria Ss. delle Grazie in Roccella, in Corso dei Mille, 1.085/b, guidata dal parroco don Ugo Di Marzo, dove resterà per tre giorni.
La prossima settimana il pellegrinaggio toccherà la I Circoscrizione, in piazza Giulio Cesare, e la parrocchia Maria Ss. Immacolatella allo Sperone, in via Sperone.

3. La compagnia 3P al Teatro Roma di Bagheria
“Alla ricerca del mio lieto fine” è il titolo del mega spettacolo annuale di beneficenza che la Compagnia teatrale 3P metterà in scena il 14 e 22 aprile 2018, al Teatro Roma di Bagheria.
“Lo spettacolo – afferma don Nino Governale – è un mix tra favola e mondo reale, ci si divertirà parecchio ma sarà in alcuni tratti anche profondo nelle riflessioni. Poi ci saranno belle canzoni, tanti costumi e tanti colpi di scena, la trama è piuttosto avvincente. Il ricavato dell’incasso andrà tutto in beneficenza per le famiglie bisognose del quartiere Brancaccio”.

4. Concerto d’organo nella chiesa di Santa Oliva
Sabato 14 aprile 2018 alle ore 19, nella chiesa di Santa Oliva a Palermo, guidata da mons. Enzo Monaco, si svolgerà un Concerto d’organo.
Ad esibirsi il maestro Paolo Oreni che eseguirà musiche di J. Sebastian Bach e Franz Listz e improvvisazioni su temi del pubblico.

5. Serata di Adorazione ed Evangelizzazione di strada
Sabato 14 aprile 2018, alle ore 21, nella Chiesa di Santa Lucia in via Ruggero Settimo a Palermo si svolgerà una serata di Adorazione ed Evangelizzazione di strada. L’iniziativa sarà portata avanti dai giovani universitari appena tornati dalle missioni popolari per la Quaresima che si sono tenute a Villafrati.

6. “La Carità non avrà mai fine” attraverso i suoi testimoni
La Caritas cittadina di Bagheria promuove una serie di incontri di riflessione per rendere visibile, nella testimonianza di carità, l’amore di Dio per gli uomini e il suo progetto che viviamo come famiglia di Dio. degli incontri di formazione spirituale promossi dalla Caritas Cittadina. “L’itinerario formativo – spiega la direttrice Mimma Cinà – prevede tre incontri, il primo dei quali su don Pino Puglisi che abbiamo scelto in occasione del 25 anniversario del martirio che ricorre il 15 settembre di quest’anno”.
Gli appuntamenti che saranno introdotti dal delegato del Clero don Vincenzo Battaglia, avranno luogo alle ore 16,30 presso i locali della Chiesa antica San Pietro in corso Butera, 253.
Programma:
Lunedi 16 Aprile 2018
Beato Pino Puglisi (Palermo, 15 settembre 1937 – Palermo, 15 settembre1993) “Al fratello bisogna dare e chiedere quanto necessario per aiutarlo” – Relatrice: Rosaria Cascio scrittrice e insegnante;
Mercoledì 16 Maggio 2018
San Vincenzo de Paoli (Pouy, 24 aprile 1581 – Parigi, 27 settembre 1660) “Dobbiamo amare Dio e i poveri, ma a spese delle nostre braccia e col sudore della nostra fronte“. Relatrice: Suor Imma D’Amore figlia della carità di San Vincenzo de Paoli;
Mercoledì  6 Giugno 2018
San Giacomo Cusmano (Palermo, 15 marzo 1834 – Palermo, 14 marzo 1888)  “Se tutte le famiglie di Palermo, che hanno la fortuna di mangiare a tavola, si privassero di un boccone per ogni pietanza e ogni giorno, il problema della miseria sarebbe risolto: ricchi e poveri si darebbero finalmente la mano”. Relatore: Giuseppe Bellanti presidente Associazione Giacomo Cusmano.

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI
1. A Palermo la Marcia per la vita e la famiglia 2018
Il Forum vita, famiglia ed educazione organizza la Marcia per la vita e la famiglia, giunta all’8a edizione, che si svolgerà sabato 14 aprile 2018. Il raduno alle ore 16.30 a piazza Croci da dove muoverà il corteo che raggiungerà piazza Verdi dove interverranno, tra gli altri don Fortunato Di Noto, presidente dell’associazione “Meter onlus” e il pastore Elia Cascio della Chiesa Parola della Grazia. Dopo la manifestazione  alle ore 18.30, sarà celebrata una Santa Messa nella chiesa di Sant’Ignazio Martire all’Olivella.
“Il Forum, apartitico e aconfessionale – spiega il delegato del Forum Diego Torre – vuole essere il collante di realtà diverse, associazioni e movimenti, sia religiosi che laici, unite per incidere nella società italiana, aperto a qualsiasi organizzazione (senza alcuna distinzione politica, religiosa e sociale) o singolo cittadino che si ritrovi nei suoi principi ispiratori. L’evento si propone inoltre la promozione della natalità e dell’istituto familiare, anche per mezzo di un fisco basato sul fattore famiglia, oltre a chiedere maggiore attenzione per le politiche per  l’infanzia e l’adolescenza, nonché per la disabilità”.
Alla marcia è stato invitato il presidente della regione, Nello Musumeci che ha già dato il patrocinio all’evento. Agli organizzatori sono pervenuti i messaggi di sostegno di mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo, mons. Michele Pennisi, Arcivescovo  di Monreale, mons. Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, mons. Luigi Bommarito, Arcivescovo emerito di Catania, Massimo Gandolfini organizzatore del “Family Day” nazionale, oltre che di numerosi sacerdoti cattolici e ortodossi e pastori evangelici. L’iniziativa si inserisce tra le altre che si svolgono ormai in tante capitali mondiali, tese a difendere la sacralità della vita.

2. “La Chiesa in dialogo. Nuovi strumenti di evangelizzazione”
Per i “Forum di Poliedro” mercoledì 18 aprile 2018, alle 18.30, nella Parrocchia Maria SS. Madre della Misericordia, via Liguria 6, a Palermo, si svolgerà l’incontro su “La Chiesa in dialogo. Nuovi strumenti di evangelizzazione”.
Dopo i saluti del parroco, don Alessandro Manzone, seguiranno gli interventi di Gianna Cappello, docente “Media digital” dell’Università di Palermo, don Carmelo Torcivia, direttore dell’Ufficio Pastorale dell’Arcidiocesi di Palermo e di Andrea Volpe, biblista. Modera Nuccio Vara, direttore responsabile della rivista Poliedro.

3. La sala lignea della Biblioteca Comunale di Palermo intitolata a mons. Baldassare Palazzotto
A 160 anni dalla morte, in occasione di Palermo Capitale della Cultura 2018, la città restituisce la memoria di un suo illustre concittadino con l’intitolazione di una delle sale storiche della Biblioteca Comunale, pilastro di una cultura identitaria locale ma naturalmente aperta e permeabile, per la quale mons. Baldassare Palazzotto (1777/1858), dedicò quasi 50 anni della sua esistenza.
L’intitolazione dell’ex sala schedari della Biblioteca Comunale di Palermo a mons. Baldassare Palazzotto, già direttore della medesima struttura nel XIX secolo, è stata perorata dal Rettore del Seminario Arcivescovile di Palermo, don Silvio Sgrò e a seguito della delibera della Commissione toponomastica del Comune di Palermo e della determinazione sindacale.
La cerimonia si svolgerà giovedì 19 aprile 2018, alle ore 18 alla presenza di mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo, di Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo, e di Fabrizio Micari, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo.
Dopo i saluti del Sindaco, dell’Assessore alla Cultura, Andrea Cusumano, del Rettore dell’Università degli studi e dell’Arcivescovo di Palermo, interverranno Eliana Calandra, direttore della Biblioteca Comunale, Pierfrancesco Palazzotto, Università degli Studi di Palermo, Maria Concetta Di Natale, Direttore del Dipartimento Culture e Società dell’Università degli Studi di Palermo, e don Giuseppe Bucaro, Direttore dell’Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici dell’Arcidiocesi di Palermo. Seguirà la presentazione del restauro del ritratto, facente parte del Famedio dei Siciliani illustri della Biblioteca Comunale di Palermo, restaurato nell’ambito del Laboratorio PFP2 del Corso di Laurea a ciclo unico in Conservazione e restauro dei Beni Culturali, con gli interventi di Franco Palla, coordinatore del CLM, Stefania Caramanna e Ambra Giordano, referenti restauro IV anno PFP2 e delle allieve restauratrici Maria Rita Caruso, Rosalia Merra, Silvia Mollica, Silvia Salamone e Clarissa Lo Piccolo.
Il restauro e l’evento rientrano in un progetto di ricerca scientifica e di comunicazione per la Terza Missione finanziato dal Rettorato universitario al Dipartimento Culture e Società dell’Università di Palermo con il coordinamento di Pierfrancesco Palazzotto, sviluppato in collaborazione con la Biblioteca Comunale di Palermo e con il corso di studi in Conservazione e restauro dei Beni Culturali della medesima università.
Mons. Baldassare Palazzotto, nato a Palermo nel 1777, era figlio del capo maestro della Regia Corte Salvatore Palazzotto (1751/1825) e fratello del celebre Emmanuele (1798/1872), uno dei principali architetti del neogotico in Italia, autore a Palermo, tra le altre cose, del gruppo di campanili della Cattedrale di Palermo (1826/1835), del prospetto di palazzo Lucchesi Palli di Campofranco (1835/36), del Palazzo delle Reali Finanze (1840/44) e del palazzo Forcella (1842 ca.).
Baldassare Palazzotto, canonico decano della Cattedrale di Palermo e canonico Abate di San Giovanni degli Eremiti, è stato uno dei primi bibliotecari della Biblioteca Senatoria di Palermo dove lavorò dal 1810 al 1858, anno in cui morì. Dal 1833 al 1858 fu il Bibliotecario capo e a lui si deve il primo inventario dei manoscritti.
L’intellettuale erudito fu anche Rettore del Seminario Arcivescovile di Palermo dal 1841 al 1849, periodo durante il quale fu anche eletto Pari spirituale del Parlamento siciliano nel 1848.
Rilevante anche la sua attività scientifica ai primordi degli studi di Scienze Naturali in Sicilia, tramite i suoi studi sull’ornitologia indigena che gli valsero il ruolo di Dimostratore di Storia Naturale nell’Ateneo palermitano fin dal 1815 e per almeno sei anni.
A lui si deve un articolo pubblicato nel 1826 dal titolo Sopra un uccello di singolar figura ucciso nei campi di Corleone, pubblicato sul “Giornale di Scienze Lettere e Arti per la Sicilia” e il manoscritto, tuttora inedito, dal titolo Notizie appartenenti alla Storia Naturale e con particolarità all’ornitologia sicola, che fu personalmente donato alla Biblioteca  Comunale nel 1830, dove oggi si trova.
Il testo era uno strumento pensato per le lezioni universitarie, ma anche come vero e proprio manuale, in assenza fino ad allora di altre pubblicazioni complessive.
Il lavoro non fu dato alle stampe, cosa che si ha in progetto per questo 2018, ma fu ampiamente consultato dagli studiosi locali coevi e posteriori e citato ampiamente, come si legge, tra gli altri, nei testi degli autorevoli naturalisti Andrea Bivona nel 1840, Francesco Minà Palumbo nel 1853 e Pietro Doderlein nel 1869 e nel 1874.
In definitiva il prelato rappresenta uno dei primi studiosi sistematici di Ornitologia e in generale di Scienze Naturali nella Palermo del XIX secolo, quando i fermenti intellettuali ponevano l’ex capitale del Regno di Sicilia in una posizione tutt’altro che periferica, ma anzi in pieno dialogo con le principali realtà culturali italiane ed europee.
Per la Regia Università di Palermo resse fino alla morte anche gli incarichi di Assistente della Biblioteca dal 1840 e Custode del Regio Medagliere dal 1841, ovvero dell’importante e preziosissima raccolta numismatica oggi conservata al Museo Archeologico Regionale Salinas di Palermo.

4. Sul Tgweb la marcia per la vita
A Palermo la Marcia per la vita e la famiglia giunta all’ottava edizione, presentato nella chiesa della Catena il volume “Tutto può cambiare” di Andrea Riccardi, nei vicariati incontri di formazione per i ministranti della diocesi. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.
Guarda il Tgweb