“Siate figli liberi. Alla maniera di Pino Puglisi”

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

IN QUESTO NUMERO

IN PRIMO PIANO

  • In libreria “Siate figli liberi. Alla maniera di Pino Puglisi” di Corrado Lorefice

NOTIZIE DIOCESIPA

  • L’Arcivescovo in visita da Biagio Conte che fa digiuno per un ospite della Missione Speranza e Carità a rischio espulsione dall’Italia
  • In Cattedrale incontro Vescovo – Nubendi
  • “Giornata Diocesana del Ministrante”
  • Convegno nazionale di Pastorale giovanile dal titolo “Dare casa al futuro”

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

  • Successo di pubblico e di critica per “Gli Argonauti la leggenda del Vello d’oro”
  • Riaperta ai fedeli e ai turisti la Cappella della Pietà
  • Assemblea diocesana Azione Cattolica
  • “Via Lucis Ecumenica” a Palermo
  • Settimana mariana diocesana ad Altavilla Milicia

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

  • Presentazione collana schedatura tecnico-conservativa delle opere d’arte del Museo Diocesano
  • Festino di Santa Rosalia Palermo, Incontri e Racconti fra Storia e Tradizione
  • Giornata per l’Università Cattolica del Sacro Cuore
  • Sul Tgweb si parla del libro di Corrado Lorefice su padre Puglisi

_________________________________________________

IN PRIMO PIANO

1. In libreria “Siate figli liberi. Alla maniera di Pino Puglisi” di Corrado Lorefice

A più di venticinque anni dal martirio di Padre Pino Puglisi, che cosa rimane della sua eredità umana e spirituale? A questa domanda risponde mons. Corrado Lorefice nel volume “Siate figli liberi. Alla maniera di Pino Puglisi”, Edizioni San Paolo 2019, pp. 144, euro 12.

Don Corrado lo fa alla luce della recente Visita pastorale di papa Francesco a Palermo, in cui il Pontefice ha consegnato il martire di Brancaccio a tutta la Chiesa universale. Accogliere e riconoscere il martire significa accogliere e riconoscere la Parola di Cristo che si fa presenza concreta nella storia degli uomini. Padre Pino Puglisi – nota don Corrado – non è stato un “prete anti-mafia”, ma un uomo, un cristiano, un sacerdote che ha vissuto fino in fondo il Vangelo là dove il Signore l’ha voluto. E questo ha dato fastidio alla mafia. Ecco dunque il cuore dell’eredità di Padre Pino Puglisi: è il Vangelo che ci fa essere porta, casa, ospedale, campo, oratorio per tutti, e soprattutto per coloro di cui abbiamo la responsabilità della formazione della coscienza, i bambini e i ragazzi. Non a caso don Pino ha voluto a Brancaccio il Centro Padre Nostro, affinché i ragazzi di quel quartiere non fossero più “figli di Cosa Nostra”, ma figli liberi.

NOTIZIE DIOCESIPA

1. L’Arcivescovo in visita da Biagio Conte che fa digiuno per un ospite della Missione Speranza e Carità a rischio espulsione dall’Italia

Una visita gradita quella che l’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice ha fatto a Biagio Conte, il missionario laico che da quattro giorni fa lo sciopero della fame, in piazzetta Anita Garibaldi, il luogo dove fu ucciso don Pino Puglisi, per chiedere alle istituzioni di intervenire per revocare l’espulsione di Paul, un ghanese di 51 anni che da quasi due decenni vive alla Missione speranza e carità e svolge l’attività di idraulico.

Insieme all’Arcivescovo c’erano anche il parroco della parrocchia di San Giovanni Bosco, don Giuseppe Calderone e il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. “La Chiesa e le istituzioni si stringono attorno a Biagio Conte che dà voce all’uomo invisibile – dicono Lorefice e Orlando – in una Palermo che non dimentica nessuno”.

Sembra che Paul sia stato raggirato da una onlus disposta a firmare contratti di lavoro fittizi. Biagio, col cuore pieno di sofferenza, si è messo accanto a Paul e non vuole lasciarlo, anche a costo di beccarsi una denuncia per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

2. In Cattedrale incontro Vescovo – Nubendi

Ufficio di pastorale familiare della nostra diocesi organizza, come di consueto, l’appuntamento mensile del Vescovo con i fidanzati che in questo periodo si preparano al Matrimonio. L’incontro si terrà il 10 maggio 2019, alle ore 21, nella Chiesa Cattedrale.

Il nostro Arcivescovo, don Corrado Lorefice, ci invita come Chiesa di Palermo ad accompagnare e a prenderci cura delle nuove famiglie che si formano, perché la loro unione sia fortificata dalla Grazia del Sacramento e accompagnata dalla comunità ecclesiale.

L’incontro si concluderà con la benedizione delle coppie e la consegna di un segno in ricordo della serata vissuta insieme e infine con un momento di fraternità conviviale. Si invitano i parroci e gli operatori pastorali ad intervenire coi fidanzati per vivere tale comunione ecclesiale e, se è possibile, a partecipare portando bibite e dolci da condividere insieme.

Gli accompagnatori dei percorsi sono pregati di comunicare la partecipazione all’incontro, indicando la parrocchia e il numero delle coppie previste, per meglio organizzare l’accoglienza, scegliendo uno dei seguenti contatti dei responsabili dell’ufficio (preferibilmente con l’invio di un messaggio whatsapp o una E-mail): Don Alerio Montalbano 338/3988321- Antonella Lopapa 333/4511325 e Giovanni Pillitteri 333/4241685 – E-mail: pastoralefamiliare@diocesipa.it

 3. “Giornata Diocesana del Ministrante”

Sabato 11 maggio 2019, si svolgerà la Giornata Diocesana del Ministrante che si svolgerà presso il Centro giovanile “don Orione”  di Palermo (ingresso da Via G. Pacinotti, angolo Via G. Campolo) a Palermo.

“Per la partecipazione alla “Giornata del Ministrante” – afferma Marco La Russa – invitiamo il responsabile di ogni parrocchia a raccogliere un contributo simbolico di 3 euro a partecipante da consegnare all’accoglienza. Qui vi sarà dato un gadget a ricordo della manifestazione. Ogni gruppo porti un dolce o una torta per la “fiera del dolce” ed ogni ministrante porti con sé la veste liturgica da indossare durante la celebrazione liturgica”.

Programma:

ore 09.30 – Accoglienza e registrazione dei partecipanti

ore 10.00 – Preghiera iniziale

ore 10.30 – Inizio animazione, balli e giochi

ore 13.30 – Pranzo a sacco e condivisione dolci

ore 15.00 – Giochi finali e premiazione

ore 15.30 – Trasferimento a piedi nella parrocchia Sant’Ernesto

ore 16.00 – Celebrazione Eucaristica presieduta da don Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo.

4. Convegno nazionale di Pastorale giovanile dal titolo “Dare casa al futuro”

“Siate figli liberi, alla maniera di Pino Puglisi”. Questo l’augurio rivolto dall’Arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, ai partecipanti al 16° convegno nazionale di Pastorale giovanile dal titolo “Dare casa al futuro”, in corso di svolgimento in Sicilia. Li ha incontrati in Cattedrale, proprio dinanzi alla tomba del sacerdote ucciso dalla mafia anche per il suo impegno verso i ragazzi e i giovani. “Siete giunti qui sulle orme del beato don Pino Puglisi. Attingete, allora, alla sua bella umanità – ha detto -, alla sua testimonianza evangelica, alla bellezza del suo ministero presbiterale, ma soprattutto alla fede operante di ‘3P’, come lo chiamavano i suoi giovani”. Rivolgendosi ad educatori ed animatori dei giovani nelle Chiese di Italia, li ha invitati a sentirlo “accanto con la la sua intelligenza pedagogica e la sua totale donazione ai giovani” e ha chiesto di fare in modo che “lo sentano accanto soprattutto i giovani, per aiutarli a vivere in pienezza la loro giovinezza e perché ricordino la bellezza dell’essere giovani”. Ai giovani che, per l’occasione, si sono uniti ai partecipanti all’evento nazionale di Pastorale giovanile, l’arcivescovo di Palermo ha chiesto: “Apritevi nelle vostre comunità a chiunque abbia rispetto e fiducia in voi, a chiunque sia disposto ad accompagnarvi e poi fare un passo indietro per cedervi la strada, a chiunque rinnovi in voi la forza dello stare insieme, la speranza di trovare vie nuove, la gioia di vivere passioni non tristi ma vibranti perché fatte di partecipazione e di dono. Apritevi soprattutto – ha aggiunto mons. Lorefice – a chi vi parla con le parole e i gesti di Gesù, il Crocifisso risorto, l’uomo compiuto, autentico, meraviglioso, volto umano di Dio Padre amante degli uomini. Siete voi stessi, carissimi giovani, parola coraggiosa del Sinodo, siete voi – ha detto citando il titolo del convegno – la casa del futuro”.

 

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

1. Successo di pubblico e di critica per “Gli Argonauti la leggenda del Vello d’oro”

Ottimo successo dello spettacolo “Gli Argonauti la leggenda del Vello d’oro”. Lo spettacolo è stato messo in scena a Bagheria dalla Compagnia 3/P, guidata da don Nino Governale, giovane presbitero palermitano con la passione per l’arte, manifestata già prima di entrare in Seminario. L’impresa degli Argonauti in scena al teatro Roma di Bagheria è la rivisitazione dell’affascinante leggenda greca di Giasone e del Vello d’oro rappresentata da 25 ragazzi in costume in stile greco, che si sono messi in gioco per un’avventura “epica” che ha emozionato gli spettatori presenti ai due spettacoli al Teatro Roma. Il ricavato dell’incasso delle due serate è stato totalmente devoluto in beneficenza a favore dei bambini più bisognosi del quartiere di Brancaccio.

“Con l’aiuto di 3P e l’entusiasmo dei nostri ragazzi – spiega don Governale – l’Argo è approdata a destinazione e ringraziamo tutti quanti ci hanno sostenuto con la presenza e l’affetto. Ma non finisce qui. Speriamo presto di riportarla al largo, raggiungere nuove spiagge e incontrare nuova gente”.

2. Riaperta ai fedeli e ai turisti la Cappella della Pietà

Grazie all’interessamento del rettore p. Pietro Leta, la Cappella della Pietà donata nel 1117 dalla regina Adelasia ai primi frati Carmelitani venuti dal monte Carmelo è stata riaperta ai fedeli e ai turisti.

La cappella, inglobata all’interno dell’attuale chiesa del Carmine Maggiore è stata per secoli la culla dei Carmelitani a Palermo che nel tempo hanno vissuto in sei conventi. Nella chiesa è conservata l’insigne reliquia della sacra Spina della corona di Gesù. Essa è stata portata a Palermo da Sant’Angelo venuto da Gerusalemme e morto martire a Licata nel 1220 divenendo patrono della cittadina che lo festeggia il 5 maggio di ogni anno.

3. Assemblea diocesana Azione Cattolica

Venerdì 10 maggio 2019, a partire dalle ore 18.30, presso la Casa diocesana “Cardinale Salvatore Pappalardo” sita a Baida – Palermo, si svolgerà l’assemblea diocesana unitaria dell’Azione Cattolica.

Si inizia con la preghiera e riflessione dell’assistente unitario mons. Raffaele Mangano e successivamente l’assemblea e i lavori di gruppo, alle ore 20.30 la cena in condivisione (ognuno porterà qualcosa) e alle ore 21.30 fraternità.

 4. “Via Lucis Ecumenica” a Palermo

“Le donne annunziano il Cristo risorto” è il tema della Via Lucis Ecumenica che si svolgerà domenica 12 maggio 2019, dalle ore 16 alle 17.45 sul Sagrato della Cattedrale Maria SS Assunta in corso Vittorio Emanuele a Palermo.

“In un mondo immerso in una cultura di paura – dicono gli organizzatori – siamo tutti invitati a percorrere un cammino di Luce e di Speranza”.

Intervengono Chiesa Anglicana, Chiesa Avventista, Chiesa Cattolica, Chiesa Luterana, Chiesa Evangelica della Riconciliazione, Chiesa Ortodossa Rumena, Unione delle Chiese Valdesi e Metodista.

 5. Settimana mariana diocesana ad Altavilla Milicia

La Settimana mariana diocesana si svolgerà Santuario diocesano di Altavilla Milicia dal 13 al 17 maggio 2019.

Programma:

Lunedì 13 maggio 2019

Ore 15.30 – Accoglienza  e apertura della Settimana Mariana Diocesana.

Ore 16.00 – Saluto del Rettore del Santuario Madonna della Milicia don Salvatore Priola, dell’Arcivescovo di Palermo, monsignor Corrado Lorefice e del Sindaco di Altavilla Milicia Giuseppe Virga

Ore 16.15 – Presentazione della Settimana presso il salone parrocchiale

Ore 16.30 – Ingresso in Santuario. Presentazione, origine, storia e tradizione del Santuario della Madonna della Milicia a cura del prof. Salvatore Brancato. Giornata dei Religiosi

Ore 17.00 – Lettura critico-artistica del quadro della Madonna a cura della prof.ssa Maria Concetta Di Natale.

Ore 17.30 – Pausa

Ore 18.00 – Celebrazione Eucaristica, presiede da padre Vincenzo Marchese, Vicario dei Religiosi.

Ore 19.00 – Santo Rosario meditato animato dai Religiosi.

Martedì 14 maggio 2019

Giornata dei Presbiteri e dei Diaconi

Ore 09:00 – Accoglienza

Ore 10:00 – Convegno: “Maria nel mistero di Cristo”, relatore don Galvan Jose Maria. Ore 10:45 Pausa.

Ore 11:00 – Convegno: “La Madre di Dio al centro della Chiesa in cammino”, relatore Padre Salvatore Perrella.

Ore 11:45 – Pausa.

Ore 12:00 – Santo Rosario Meditato animato dai Presbiteri e dai Diaconi.

Ore 13:00 – Pranzo.

Mercoledì 15 Giornata degli Operatori Pastorali e dei Catechisti

Ore 16:00 – Accoglienza.

Ore 16:30 – Santo Rosario meditato animato dagli Operatori Pastorali e dai Catechisti.

Ore 17:30 – Pausa.

Ore 18:00 – Celebrazione Eucaristica, presiede don Giuseppe Vagnarelli, direttore dell’Ufficio Catechistico Diocesano.

Ore 19:00 – Conferenza: “La mediazione materna di Maria”, relatore Paolo Curtaz.

Giovedì 16 – Giornata dei Ministri istituiti (Accoliti, Lettori, Ministri Straordinari della Comunione)

Ore 16:00 – Accoglienza.

Ore 16:30 – Santo Rosario meditato animato dai Ministri istituiti.

Ore 17:30 – Pausa.

Ore 18:00 – Celebrazione Eucaristica presieduta dall’Arcivescovo Monsignor Corrado Lorefice. Segue l’Adorazione Eucaristica animata dai Ministri Straordinari della Comunione.

Venerdì 17 Giornata dei giovani

Ore 16:00 – Accoglienza.

Ore 16:30 – Santo Rosario meditato animato dalla Pastorale Giovanile Diocesana.

Ore 17:30 – Pausa.

Ore 18:00 – Celebrazione Eucaristica, presiede don Giuseppe Calderone, direttore della Pastorale Giovanile Diocesana.

Ore 19:30 – Rinfresco nel Salone parrocchiale e animazione davanti al Santuario.

Ore 21:00 – Testimonianza sulla Beata Chiara Luce Badano.

Ore 22:00 – Chiusura della settimana Mariana Diocesana in piazza Belvedere con il Musical “In viaggio verso te”.

 

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

1. Presentazione collana schedatura tecnico-conservativa delle opere d’arte del Museo Diocesano

Venerdì 10 maggio 2019, alle ore 18, nella chiesa di Santa Caterina a Palermo, alla presenza di Mons. Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo, del Prof. Salvatore Bordonali, Presidente della Congregazione Sant’Eligio di Palermo e di Mons. Giuseppe Randazzo, Direttore del Museo Diocesano di Palermo, si presenterà la collana Schedatura tecnico-conservativa delle opere d’arte in Sicilia ideata e diretta dal Dott. Mauro Sebastianelli. Interverranno la Prof.ssa Maria Concetta Di Natale, dell’Università degli Studi di Palermo, l’Arch. Lina Bellanca, Soprintendente per i BB.CC.AA. di Palermo, il Prof. Franco Palla, dell’Università degli Studi di Palermo.

Saranno presentati i primi due volumi della collana, intitolati Restauri al Museo Diocesano di Palermo. Schedatura e raccolta dei dati tecnico-conservativi (Volume 1 2004-2012 e Volume 2 2013-2018), i quali descrivono gli anni di attività di conservazione e restauro condotta per l’Arcidiocesi di Palermo dall’inaugurazione del Museo Diocesano nel 2004 fino ad oggi.

Nella collana sono dunque illustrati gli esiti degli studi e delle ricerche correlate agli interventi di restauro eseguiti su cinquantacinque opere d’arte all’interno del Laboratorio di Restauro del plesso museale. Si tratta di un gruppo molto variegato di veri e propri capolavori, comprendente dipinti su supporto ligneo, tessile e lapideo, sculture in marmo, legno e cartapesta, mosaici e numerosi oggetti d’arte decorativa, dagli arredi alle suppellettili liturgiche e ai manufatti di carattere devozionale.

I singoli studi sono presentati in forma di schede tecnico-conservative che raccolgono tutti i dati acquisiti in occasione degli interventi di restauro e suddivisi in aree tematiche: sono dunque presenti informazioni di carattere tecnico e conservativo concernenti gli elementi identificativi delle opere, le modalità esecutive e i materiali costitutivi, lo stato di conservazione, la storia e la natura di eventuali interventi eseguiti nel passato, la descrizione del restauro attuale (metodologie, enti e professionalità coinvolte, ambiti di esecuzione, indagini diagnostiche, documentazione, iniziative connesse alla valorizzazione e pubblicazioni scientifiche); le schede sono inoltre corredate di un ricco apparato fotografico/grafico che accompagna ed integra i dati descrittivi nonché di una bibliografia storico-artistica di riferimento selezionata per ogni manufatto.

L’iniziativa di realizzare tale collana di studi nasce dalla volontà di condividere e rendere fruibili i risultati di accurate ricerche, osservazioni ed indagini che negli anni hanno accompagnato il recupero dei beni artistici di interesse religioso condotto per l’Arcidiocesi di Palermo. Si intende così offrire a studiosi ed appassionati un’ampia casistica di esperienze e conoscenze relative a numerose opere d’arte, eterogenee per tipologia e problematiche conservative ma accomunate dal medesimo approccio nello studio e nei principi di intervento.

I manufatti selezionati rappresentano la sintesi di una più estesa attività non solo di ricerca, conservazione e restauro ma anche di manutenzione e valorizzazione, che il Dott. Sebastianelli ha condotto con incessante dedizione e profonda professionalità in linea con i principi promossi dall’Istituto Centrale per il Restauro di Roma (oggi Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro), trovando il pieno sostegno di Mons. Giuseppe Randazzo in qualità di Direttore del Museo Diocesano di Palermo. L’intenzione che ha mosso ciascuna iniziativa è stata quella di conoscere, recuperare e valorizzare le opere d’arte della Sicilia, che costituiscono un patrimonio inestimabile ma purtroppo ancora oggi poco indagato e di conseguenza non sufficientemente apprezzato. Le linee di ricerca sviluppate negli anni dal Laboratorio di Restauro del Museo Diocesano, che trovano oggi un primo spazio nei due volumi della collana, sono molteplici e in particolare sono focalizzate sulle tecniche di esecuzione e sui materiali impiegati dagli artisti per la realizzazione delle singole opere.

D’altra parte il Laboratorio di Restauro è uno dei motori più attivi e dinamici dell’Arcidiocesi palermitana, un luogo in cui ogni giorno l’azione è mirata a riscoprire il valore culturale intrinseco dell’opera d’arte sottoposta ad intervento, seguendo una metodologia che non lascia spazio alla casualità ma che affronta il manufatto in ciascuna delle sue componenti. Le singole operazioni sono anche un continuo stimolo per condurre ulteriori approfondimenti, per programmare nuovi studi e approcciarsi alle prospettive non ancora esplorate della cultura connessa ai beni culturali.

Ogni iniziativa, sempre portata avanti con positivi risultati, è resa possibile dal lavoro interdisciplinare e dalla collaborazione e partecipazione fattiva di numerosi enti ed istituzioni di ambito pubblico e privato che, nei rispettivi ambiti di competenza, offrono un quotidiano contributo per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio artistico siciliano: la Curia Arcivescovile, la Soprintendenza per i BB.CC.AA. di Palermo, l’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, le Università degli Studi di Palermo, Urbino e della Calabria, la Congregazione Sant’Eligio, la Fondazione Camposanto di Santo Spirito, l’associazione no-profit Amici dei Musei Siciliani, i vari Club Service del territorio, numerose strutture museali e istituti di ricerca nazionali ed internazionali, le associazioni e tutti gli enti promotori.

Sulla base di queste considerazioni e per dare ulteriore lustro a quanti hanno ispirato l’autore della collana per la passione e la competenza manifestate nei confronti dell’arte e del restauro, il primo volume è stato dedicato al Card. Salvatore Pappalardo e alla dott.ssa Anna Maria Marcone, il secondo a mons. Filippo Pottino, a mons. Paolo Collura e al prof. Giuseppe Basile.

2. Festino di Santa Rosalia Palermo, Incontri e Racconti fra Storia e Tradizione

Si è svoto al Molo Sud della Cala di Palermo, il secondo appuntamento con #aspettandoilfestino2019 che quest’anno taglia il traguardo della 395° edizione. Tema dell’evento la rievocazione storica dell’arrivo della peste a Palermo del 7 maggio 1624. Nello stesso giorno di 395 anni fa infatti approdava in città l’imbarcazione proveniente da Tunisi, il “vascello della redenzione dei cattivi” ovvero del riscatto dei cristiani prigionieri dei saraceni.

Le note storiche riportate raccontano che il Viceré Emanuele Filiberto, contro il parere generale per cui si sospettava che a bordo covasse la peste, ne permise l’attracco, “carico come era di mercanzie e ricchi doni a lui inviati dal Re di Tunisi”, e la successiva discesa degli occupanti da cui poi si innescarono migliaia di morti in città.

Simbolicamente, al Molo Sud della Cala, la peste nera è arrivata attraverso le movenze della danzatrice Federica Marullo, portata via mare da un’imbarcazione fino a terra, e accolta dalle letture delle piccole Marta Castiglia e Marialisa Pagano, allieve della Scuola di Teatro “Putia d’Arte Malvina Franco”, e dalle percussioni dei Tamburinai della Famiglia Aucello.

A seguire don Gaetano Ceravolo, Reggente del Santuario di Santa Rosalia a Monte Pellegrino, e Girolamo Mazzola dell’Archivio Storico Comunale di Palermo, hanno condiviso con i tanti presenti racconti, fra storia e tradizione, del contagio del 1624.

Erano presenti tra gli altri Adham Darawsha, Assessore alle Culture del Comune di Palermo, Lollo Franco Direttore Artistico e Vincenzo Montanelli Direttore Organizzativo 395° Festino di Santa Rosalia.

Il calendario di appuntamenti di #aspettandoilfestino2019, novità del 395° Festino ideata da Vincenzo Montanelli e Lollo Franco, che prevede una serie di incontri di avvicinamento alla celebrazione finale del 14 luglio, proseguirà il 16 maggio al Museo Internazionale delle Marionette con la giornata di studi “Rosalia e le altre. Simboli del sacro femminile nel culto rosaliano” a cura del Professore Ignazio Buttitta.

3. Giornata per l’Università Cattolica del Sacro Cuore

Lunedì 13 maggio 2019, alle ore 9, presso l’Aula Chiazzese del Dipartimento di Giurisprudenza di Palermo si svolgerà un seminario sullo status dei coniugi separati.

Dopo i saluti del prof. Aldo Schiavello, direttore del Dipartimento di Giurisprudenza, della prof.ssa Laura Lorello, coordinatrice del Corso di Studi Magistrale in Giurisprudenza e mons. Corrado Lorefice, il seminario sarà presentato dal Delegato diocesano dell’Università Cattolica, il dr. Marco Dell’Oglio, cui seguirà l’introduzione a cura del prof. Salvatore Bordonali dell’Università degli Studi di Palermo.

Relazioni:

“La Natura dell’istituto ed elementi procedurali” – P. Paolo Lobiati, Giudice del Tribunale Ecclesiastico Regionale Lombardo;

“La separazione in diritto canonico: aspetti sostanziali” – P. Davide Calantoni, Giudice del Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano Siculo;

“La separazione “per modum iudicii”: il contributo di decretisti e decretalisti” – Antonio Ingoglia, Università degli Studi di Palermo;

“Lo status dei divorziati risposati alla luce di Amoris Laetitia” – Mario Ferrante, Università degli Studi di Palermo;

“La separazione dei coniugi negli Statuti personali libanesi” – Anna Sammassimo, Università Cattolica del Sacro Cuore.

 4. Sul Tgweb si parla del libro di Corrado Lorefice su padre Puglisi

In libreria “Siate figli liberi. Alla maniera di Pino Puglisi” di Corrado Lorefice, continua la protesta di Biagio Conte che fa digiuno per un ospite della Missione Speranza e Carità a rischio espulsione dall’Italia, l’Arcivescovo in visita al Giardino della memoria a Ciaculli rende omaggio ai caduti di mafia. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sul sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.

Guarda il Tgweb: https://www.youtube.com/user/tgwebdiocesipa