“Teologia della predicazione” aggiornamento Clero e laici

Tag:, ,
Facebooktwitterpinterestmail

Dopo avere tenuto una tre giorni di aggiornamento pastorale nella casa diocesana di Baida al Clero, sul tema della “Teologia della predicazione”, don Armando Nugnes, docente di “Teologia dogmatica” presso la Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale – sezione “San Luigi”, venerdì 14 febbraio 2020, relazionerà anche per i laici nella parrocchia di San Francesco di Sales a Palermo. L’incontro avrà inizio alle ore 18.30.

“Nell’ambito del nostro commino pastorale, dopo che al Clero – dichiara l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice – si offre anche per i nostri laici una opportunità formativa. È importante che come Chiesa di Palermo ci appropriano della gioia del Vangelo perché la predicazione è l’annuncio del Vangelo cioè Gesù stesso che è carne degli uomini. Nella teologia della predicazione, la Chiesa confessa la sua Fede nella gioia e nel coraggio di farsi esporre dalla Parola”.

Nelle sue relazioni, don Armando Nugnes ha spiegato che il Vangelo prima di essere un contenuto è un evento per quello che rappresenta e riempie il cuore di coloro che si fanno incontrare da Gesù. “In Evangelii gaudium si dice che Cristo è egli stesso il Vangelo e la sua bellezza è eterna nella novità che si colloca nella traduzione come memoria grata. Il cuore del Vangelo è la bellezza dell’amore salvifico di Dio manifestato in Gesù Cristo morto e risorto. La predicazione deve tornare al kerigma annuncio di salvezza che deve toccare il cuore come fuoco vivo dello Spirito. Ecco perché l’omelia si inserisce nel dialogo salvifico tra Dio e l’uomo e conduce a fare esperienza della nostra salvezza. Il predicatore è un profeta che predice oltre che liturgo e comunicatore. Inoltre il predicatore è un uomo spirituale. È un uomo che sa rileggere le situazioni alla luce dello Spirito e si fa trasformare dalla Parola prima di riannunciarla. È un facilitatore del dialogo tra Dio e il suo popolo senza assumere il ruolo del protagonista. Il predicatore non parla al posto di Dio ma gli apre la porta”.