Arcidiocesi News 18 Gennaio 2021

Tag:, ,
Facebooktwitterpinterestmail

IN QUESTO NUMERO

IN PRIMO PIANO

  • Lettera al Clero dell’Arcivescovo Corrado Lorefice in tempo di pandemia

NOTIZIE DIOCESIPA

  • Nelle zone rosse sì alle Sante Messe, autodichiarazione per recarsi in chiesa
  • Imposizione delle ceneri in tempo di pandemia
  • Riunione dei Direttori degli uffici pastorali su zoom

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

  • Anche le donne potranno ricevere i ministri laicali del lettorato e dell’accolitato
  • Giornata per il dialogo Ebraico cristiano
  • Lo sport come strumento per costruire il futuro

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

  • Le proposte formative per il Clero della Conferenza Episcopale Siciliana
  • Sul Tgweb si parla di Migrazioni e respingimenti nel Mediterraneo

_________________________________________________

IN PRIMO PIANO

1. Lettera al Clero dell’Arcivescovo Corrado Lorefice in tempo di pandemia

Carissimi Presbiteri e Diaconi,

Vi saluto con grande affetto. Stiamo assistendo a una preoccupante recrudescenza della pandemia, soprattutto nella nostra Regione che è appena stata dichiarata “zona rossa”. Non sono esenti dal contagio anche le nostre comunità e il nostro Presbiterio.

La pandemia continua a modificare lo stile di vita di tutti con notevoli ricadute in diversi ambiti: sanitario, lavorativo, economico, familiare, scolastico, universitario. Ovviamente ne sta risentendo anche l’azione pastorale, costringendoci a limitare gli incontri in presenza e a sviluppare modalità diverse per sostenere comunque la vita comunitaria.

Comprendo, in particolare, la fatica di voi cari Presbiteri e Diaconi, a vivere il ministero in queste condizioni e, mentre vi ringrazio per quello che continuate a fare in maniera instancabile, vi assicuro la vicinanza, la mia preghiera e la disponibilità ad ascoltarvi e ad accogliervi ogni qualvolta ne sentiate la necessità.

Come molti di voi mi hanno manifestato, anch’io sento la mancanza dei nostri incontri formativi, dei momenti di ritiro e di condivisione e, non meno, della vicinanza fisica che ormai da mesi non ci è dato di vivere.

Per cercare di venire incontro a queste esigenze, ho pensato, insieme ai Vicari, di ritrovarci per Vicariati con l’ausilio delle piattaforme digitali e condividere, per quanto è possibile, gioie, fatiche, preoccupazioni, attese, ma anche proposte su come vivere il ministero pastorale in questa perdurante, difficile situazione.

Inoltre, ho sentito forte il bisogno di condividere con voi un momento forte di preghiera in presenza, magari contemplando e adorando insieme la SS. Eucaristia. Ritrovarci, come Presbiterio, davanti al Santissimo Sacramento, per ristorarci delle stanchezze e rafforzare il legame con il Signore Gesù e tra di noi.

Con i Vicari episcopali avevamo, dunque, programmato un’Adorazione Eucaristica per il prossimo 26 gennaio ma la dichiarazione della “zona rossa” di fatto ne rende problematica l’attuazione poiché impedirebbe – soprattutto ai confratelli degli altri Comuni – di prendervi parte. Tuttavia, poiché mi sta tanto a cuore, essa viene solamente rimandata.

Per quanto riguarda gli incontri per Vicariati – ovviamente in video conferenza – abbiamo individuato queste date che comunque, sebbene con diversa distribuzione, erano già in calendario: 19 gennaio I e II Vicariato; 2 febbraio III e IV Vicariato; 16 febbraio V e VI Vicariato.

In attesa di ritrovarci, non posso tuttavia non raccomandarvi, ancora una volta, di essere particolarmente prudenti nello svolgimento del vostro ministero.

Nonostante la Sicilia sia stata inserita tra le zone rosse, la partecipazione alle liturgie non viene impedita purché siano rispettate e messe in pratica le ormai ben note disposizioni che mirano a impedire o prevenire i contagi.

Vi esorto, quindi, di seguire con esattezza, senza eccezioni, le disposizioni governative, come anche le indicazioni pastorali che vi sono state date nei mesi scorsi.

In particolare, la Comunione va sempre data nelle mani e la mascherina va sempre tenuta durante la distribuzione fatta mantenere alle persone in chiesa per tutta la celebrazione dell’Eucarestia.

Vi ricordo, inoltre, che non sono ancora permessi gli incontri di catechesi o di formazione in presenza. Ciò vale anche per la catechesi in preparazione ai sacramenti dell’iniziazione cristiana.

Anche i percorsi di preparazione al matrimonio dovranno essere tenuti attraverso le piattaforme digitali. Al riguardo, il servizio di Pastorale familiare è disponibile per qualunque tipo di aiuto e sostegno.

Per tutte le altre disposizioni rimando a quanto consegnatovi nella lettera dello scorso 13 novembre e nei protocolli a suo tempo indicati.

Fra meno di un mese avrà inizio il tempo forte della Quaresima: celebreremo il Mercoledì delle Ceneri attenendoci scrupolosamente a quanto indicato nella Nota della Congregazione per il culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti del 12 gennaio 2021 che, dettagliatamente, spiega come svolgere il rito dell’imposizione delle ceneri in tempo di pandemia.

Comprendo come, nonostante sia trascorso quasi un anno, possa ancora risultare innaturale modificare alcuni nostri gesti personali e riti liturgici, ma le motivazioni dovute all’emergenza sanitaria ci impongono di essere precisi nel seguire le disposizioni che ci sono state date a tutela della salute nostra e delle persone a noi affidate.

Raccomando vivamente di diffondere nelle nostre case e nelle nostre Comunità la preghiera, da me composta, In questo tempo di prova, che potete trovare il pdf sul sito web dell’Arcidiocesi.

Carissimi, vi chiedo di rendere partecipi tutti i fedeli dei sentimenti di vicinanza spirituale del Vescovo e, mentre vi rinnovo il mio ringraziamento e la mia ammirazione per il vostro diuturno impegno, invoco su di voi e sulle vostre Comunità, per intercessione di Santa Rosalia “vigile custode e liberatrice di città in balia della peste”, la mia paterna benedizione.

NOTIZIE DIOCESIPA

1. Nelle zone rosse sì alle Sante Messe, autodichiarazione per recarsi in chiesa

Con l’entrata in vigore la “zona rossa” in Sicilia, per partecipare a una celebrazione o recarsi in un luogo di culto, dovrà essere compilata l’autocertificazione.

L’accesso ai luoghi di culto avviene con misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro.

Come già nei precedenti Dpcm le celebrazioni con la partecipazione del popolo si svolgono nel rispetto del protocollo sottoscritto dal Governo e dalla Conferenza Episcopale Italiana, integrato con le successive indicazioni del Comitato tecnico-scientifico.

2. Imposizione delle ceneri in tempo di pandemia

Pronunciata la preghiera di benedizione delle ceneri e dopo averle asperse con l’acqua benedetta, senza nulla dire, il sacerdote, rivolto ai presenti, dice una volta sola per tutti la formula come nel Messale Romano: «Convertitevi e credete al Vangelo», oppure: «Ricordati, uomo, che polvere tu sei e in polvere ritornerai».

Quindi il sacerdote asterge le mani e indossa la mascherina a protezione di naso e bocca, poi impone le ceneri a quanti si avvicinano a lui o, se opportuno, egli stesso si avvicina a quanti stanno in piedi al loro posto. Il sacerdote prende le ceneri e le lascia cadere sul capo di ciascuno, senza dire nulla.

Dalla Sede della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, 12 gennaio 2021.

Robert Card. Sarah, Prefetto Arthur Roche Arcivescovo Segretario

3. Riunione dei Direttori degli uffici pastorali su zoom

I Direttori degli uffici pastorali dell’Arcidiocesi di Palermo, si incontreranno sulla piattaforma zoom. L’incontro è stato convocato dal direttore dell’Ufficio pastorale,  don Giuseppe Vagnarelli per giovedì 21 alle 19.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

1. Anche le donne potranno ricevere i ministri laicali del lettorato e dell’accolitato

Fino ad ora i ministeri laicali del lettorato e dell’accolitato, come prevedeva il “motu proprio” di San Paolo VI del 15 agosto 1972, erano appannaggio dei soli uomini. Adesso invece anche le donne potranno accedere a tali ministeri. La disposizione è stata emanata del Santo Padre Francesco che in occasione della Festa del Battesimo di Gesù ha firmato una lettera apostolica con la quale prevede tale possibilità di accesso, anche alle donne.

La scelta di conferire anche alle donne questi uffici, che comportano una stabilità, un riconoscimento pubblico e il mandato da parte del vescovo, rende più effettiva nella Chiesa la partecipazione di tutti all’opera dell’evangelizzazione. “Questo fa anche sì che le donne abbiano un’incidenza reale ed effettiva – dice Papa Francesco – nell’organizzazione, nelle decisioni più importanti e nella guida delle comunità, ma senza smettere di farlo con lo stile proprio della loro impronta femminile”.

2. Giornata per il dialogo Ebraico cristiano

“Il libro del Qohelet dalle cinque Meghillot” sarà il tema della XXXII Giornata per il dialogo Ebraico cristiano che sarà affrontato nel corso di un incontro online su Meeting zoom ID riunione: 850 9462 1610 Passcode: isse il 18 gennaio 2021 alle ore 17.

Intervengono Don Angelo Passaro, Presidente Associazione Biblica Italiana e Rav Pierpaolo Pinchas Punturello, Coordinatore studi ebraici Centro Ibn Gabirol, Madrid. Modera Francesco Bonanno Officina di Studi Medievali Istituto Siciliano Studi Ebraici.

3. Lo sport come strumento per costruire il futuro

E’ stata la Sala Lavitrano del Palazzo Arcivescovile a ospitare (nel rispetto delle norme anti Covid) l’assemblea elettiva del Centro Sportivo Italiano di Palermo. Il tema dell’assemblea è stato indi da Papa Francesco: “Generare futuro… il dovere di costruire una nuova realtà”.

Sono pervenuti i saluti del Presidente Nazionale CSI Vittorio Bosio insieme a quelli del Presidente Regionale Agnese Gagliano e del Consigliere Nazionale di Presidenza Salvo Russo. L’assemblea ha rieletto all’unanimità Maurizio Polizzi come Presidente. Consiglieri eletti: Francesco Calabria, Riccardo Calì, Pietro Cimino, Gianfranco Menallo, Giuseppe Monticelli, Alessandro Pellerito, Antonino Romeo, Gaetano Russo. L’Assistente Ecclesiastico del CSI è don Francesco Di Pasquale; Revisore dei Conti Effettivo è Giuseppe Rosselli mentre il Revisore dei Conti Supplente è Franco Lunardi.  «In questo momento storico così difficile – ha sottolineato Maurizio Polizzi – ci aspettano grandi sfide per il rilancio dello “sport per tutti”, sfide che con grande determinazione ed entusiasmo siamo pronti ad affrontare».

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

1. Le proposte formative per il Clero della Conferenza Episcopale Siciliana

La Conferenza Episcopale Siciliana approva le proposte formative per il Clero, nel corso della Sessione invernale che si è svolta nei giorni 11 – 13 gennaio 2021 in modalità online a causa del crescente numero di contagi da coronavirus registrati in questi giorni in Sicilia.

Le proposte formative per l’anno 2021, sono state illustrate da don Calogero Cerami, Direttore del Centro Madre del Buon Pastore per la formazione permanente del Clero.

I percorsi formativi per i presbiteri prenderanno le mosse dalle tematiche sottese nella lettera che Papa Francesco ha scritto ai sacerdoti di Roma lo scorso 31 maggio e nella lettera che i vescovi di Sicilia hanno scritto ai presbiteri dell’Isola in vista della Giornata Sacerdotale Mariana (9 giugno 2020). La Commissione del Centro ha programmato tre percorsi formativi da offrire a seminaristi del sesto anno di pastorale, diaconi, presbiteri e parroci: il percorso formativo sul sacramento della Riconciliazione, dal titolo “Per ogni lacrima l’uomo rinasce” (8-12 febbraio 2021); il percorso formativo sulla parrocchia, dal titolo “La conversione pastorale della Parrocchia” (22-25 febbraio 2021); il percorso formativo sulle “Beatitudini del prete” (22-24 marzo 2021). I tre percorsi si svolgeranno in modalità online.

Inoltre la Commissione Presbiterale Siciliana ha programmato una tre giorni, denominata “Esercizi di fraternità presbiterale”, in coincidenza con la XXIX Giornata Sacerdotale Mariana, che si svolgerà dal 17 al 19 maggio presso il Santuario Madonna delle Lacrime a Siracusa.

Per i Delegati per la formazione dei diaconi e dei presbiteri, i vicari episcopali per il clero, i Rettori dei seminari e i membri della CPS è previsto un modulo formativo sul discernimento vocazionale il 19 e 20 aprile con Giuseppe Sovernigo, della Facoltà Teologica Settentrionale.

I moduli formativi dei diaconi permanenti, invece, attingeranno alle tematiche presenti nel volume di Ètienne Grieu, Diaconia. “Quando l’amore di Dio si fa vicino”.

I Vescovi hanno convenuto sulla necessità che la formazione dei futuri diaconi permanenti sia qualificata; è necessario pertanto agire sinergicamente in modo da offrire, a livello regionale, un iter formativo unitario. In merito alla possibilità di stilare una bozza di progetto per la nostra regione che possa permettere ai futuri candidati una formazione qualificata, i Vescovi hanno chiesto a don Cerami di preparare una relazione, da presentare nella prossima sessione, per conoscere le modalità con cui avviene la formazione nelle singole diocesi, il numero dei diaconi per ogni diocesi, il tipo di servizio svolto.

 2. Sul Tgweb si parla di Migrazioni e respingimenti nel Mediterraneo

Migrazioni e respingimenti nel Mediterraneo, dura nota dell’Arcivescovo di Palermo Mons. Corrado Lorefice, a Don Sergio Ciresi, vice Direttore della Caritas diocesana, la “Tessera preziosa del Mosaico Palermo”, conferita a Biagio Conte conferita la cittadinanza onoraria di Godrano”. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.

Info: https://youtu.be/XBaI8eDMsAw