ASSEMBLEA CEI, IL COMUNICATO FINALE. DIVERSI GLI APPUNTAMENTI LUNGO LA STRADA CHE CONDURRA’ AL SINODO

Tag:, ,
Il Papa ai Vescovi: “Sarà determinate un cammino che parta dal basso verso l’alto”

“Annunciare il Vangelo in un tempo di rinascita – Per avviare un cammino sinodale”: il tema dei lavori della 74esima Assemblea generale della CEI è in realtà, da oggi, una sorta di agenda permanente per i prossimi mesi. Nel frattempo, così come recita il comunicato finale dell’Assemblea, gli impegni e gli appuntamenti sono diversi. l

La Chiesa italiana si sta avvicinando alla 49ª Settimana sociale che si terrà a Taranto dal 21 al 24 ottobre 2021. L’evento si terrà, in presenza, pur con numeri inferiori al previsto.

L’appuntamento, verso il quale le diocesi s’incamminano con iniziative ed eventi promossi sulla base dell’Instrumentum Laboris, avrà come focus la cura del pianeta, a partire dall’analisi di alcune ferite emblematiche del Paese, come ad esempio Taranto, la Terra dei fuochi e altri dei 41 siti di interesse nazionale (i cosiddetti Sin), in cui il disastro ambientale distrugge le più elementari condizioni lavorative e di vita sociale.

La “Giornata per la carità del Papa” in programma domenica 27 giugno “diventa occasione – sostengono i vescovi italiani – per riscoprire l’importanza e il valore dell’essenziale e per dare, in un tempo così difficile, un segno di amore al Papa, sostenendo concretamente le Sue attività di magistero, di guida della Chiesa universale e di carità”. Nel 2019, le diocesi italiane hanno offerto alla Santa Sede 1.877.830,31 euro; l’importo pervenuto alla Santa Sede a titolo di can. 1271 del Codice di diritto canonico è stato di euro 4.026.490,00 di cui 4.000.000 euro dalla Cei; 21.490 euro dall’arcidiocesi di Genova; 5.000 euro dalla diocesi di Lamezia Terme. Anche nel 2021 i mezzi di comunicazione della Chiesa italiana (Avvenire, Tv2000, InBlu2000, Sir) e delle diocesi – a partire dai settimanali diocesani associati alla Fisc – sosterranno l’iniziativa con diverse attività.

L’Assemblea si è anche soffermata sull’attuazione del Motu Proprio Spiritus Domini e del Motu Proprio Antiquum Ministerium e sul calendario delle attività della Cei per l’anno pastorale 2021-2022. Tra le iniziative in programma il Congresso eucaristico nazionale che si terrà a Matera dal 22 al 25 settembre 2022.
In questi giorni si è riunito anche il Consiglio episcopale permanente che ha approvato il Regolamento applicativo concernente la concessione di contributi finanziari della Cei per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto e la pubblicazione del Messaggio per la 16ª Giornata nazionale per la Custodia del Creato (1° settembre 2021), sul tema “‘Camminare in una vita nuova’ (Rm 6,4). La transizione ecologica per la cura della vita”. Inoltre è stato deciso nei primi mesi del nuovo anno ci sarà un evento a Firenze, la città di Giorgio La Pira, che darà continuità al progetto dell’“Incontro di riflessione e spiritualità Mediterraneo frontiera di pace”, che si è tenuto a Bari dal 19 al 23 febbraio 2020. Questo evento coinvolgerà comunità ecclesiali e civili del Mare Nostrum. Infine si è provveduto alle nomine di Giuseppe Notarstefano (Palermo) a presidente nazionale dell’Azione Cattolica italiana, di don Angelo Gonzo (Trento) ad assistente ecclesiastico nazionale del Movimento Adulti Scout cattolici italiani (Masci), di don Nicola Macculi (Lecce) a consigliere ecclesiastico nazionale della Coldiretti, di mons. Gastone Simoni (vescovo emerito di Prato) ad assistente ecclesiastico nazionale dell’Opera assistenza malati impediti, di don Luis Fernando Lopez Gallego (Sonson Rionegro, Colombia) a coordinatore nazionale della pastorale dei cattolici latino americani in Italia, di Luigi D’Andrea (Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela) a presidente del Movimento ecclesiale di impegno culturale e di Allegra Tonnarini (Roma) a presidente nazionale femminile della Federazione universitaria cattolica italiana.

I lavori assembleari sono stati aperti da Papa Francesco che è entrato rapidamente nel merito di alcuni punti: seminari, tribunali ecclesiastici e Sinodo. Sono questi i tre temi che Papa Francesco ha affrontato con i vescovi italiani aprendo la 74esima Assemblea generale. Relativamente al Sinodo, Francesco ha ricordato che deve cominciare “dal basso in alto”, nelle piccole comunità, nelle parrocchie; si tratta di un processo che richiederà pazienza, tanto lavoro e coinvolgimento della gente per far uscire “la saggezza del popolo di Dio”. In questo percorso sinodale a cui Papa Francesco ha esortato la Chiesa italiana è centrale riprendere le linee tracciate al convegno di Firenze del 2015, “un patrimonio” che deve “illuminare questo momento”. Non bisogna, dunque, perderne la memoria. Il Papa segnala anche il pericolo di “sbagliare nella formazione” e anche “nella prudenza nell’ammissione dei seminaristi”.

Il percorso sinodale della Chiesa italiana era stato anche al centro delle parole di saluto del cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della CEI: «Santità – ha esordito il porporato – su questo cammino chiediamo il Suo incoraggiamento, la Sua preghiera e la Sua paterna benedizione».