Emanate le Linee guida per il ministero dell’esorcismo

Tag:, ,
Facebooktwitterpinterestmail

IN QUESTO NUMERO

IN PRIMO PIANO

  • Emanate le Linee guida per il ministero dell’esorcismo

NOTIZIE DIOCESIPA

  • Rinnovato il Consiglio diocesano di Azione Cattolica
  • Lectio divina per i giovani in Cattedrale

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

  • Marineo si colora di azzurro con gli scout Agesci
  • Tornato alla Casa del Padre il dottore Nicolò Piccione
  • Formazione AMCI su “Missione e Salute”
  • A Termini Imerese si presenta il volume “Cattolici in politica”

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

  • Ricollocazione opere d’arte della chiesa della Madonna degli Agonizzanti
  • “Riconciliare e fare memoria” incontro evangelico di Cultura
  • Sul Tgweb si parla della formazione per Clero e laici sulla predicazione

_________________________________________________

IN PRIMO PIANO

1. Emanate le Linee guida per il ministero dell’esorcismo

Finito il tempo del “fai da te” per gli esorcisti. Adesso nell’azione liturgica, quanti svolgono questo delicato e prezioso ministero, a seguito dell’emanazione delle “Linee guida per il ministero dell’esorcismo, alla luce del rituale vigente”, debbono uniformarsi alle nuove direttive internazionali. Se è parlato nel corso di formazione annuale per gli esorcisti di Sicilia organizzato dal Centro regionale “Giovanni Paolo II” e svoltosi a Poggio San Francesco.

“Non si tratta di una summa di tutto il sapere relativo al nostro ministero di esorcisti – afferma fra Benigno – i singoli punti trattati non si pretende che siano esposti esaurientemente, ma, si spera, solo sufficiente. Intanto sono uno strumento idoneo affinché i sacerdoti esorcisti, nell’esercizio del loro munus, evitino prassi o metodi non corrispondenti alle norme con le quali la Chiesa regola il ministero dell’esorcista dato. L’esorcista non può procedere a proprio arbitrio, dal momento che opera nel quadro di una missione ufficiale che lo rende in qualche modo rappresentante di Cristo e della Chiesa”.

Le linee guida redatte dall’associazione internazionale esorcisti e pubblicate dalle Edizioni Messaggero di Padova, sono state sottoposte all’analisi dottrinale della Congregazione per il clero e, tramite essa, della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti e della Congregazione per la Dottrina della fede. Ed hanno l’imprimatur del vicariato di Roma.

“Il testo è un punto di riferimento ben preciso a chi esercita il ministero – aggiunge fra Benigno Palilla – come anche a chi è chiamato a fare discernimento prima di indirizzare, se necessario, una persona da un esorcista”.

NOTIZIE DIOCESIPA

1. Rinnovato il Consiglio diocesano di Azione Cattolica

Domenica scorsa, in occasione della XVII Assemblea elettiva sul tema: “Ho un popolo numeroso in questa città”, che si è svolta presso la Casa diocesana “Salvatore Pappalardo” a Baida, è stato rinnovato il Consiglio diocesano dell’Azione Cattolica che rimarrà in carica per il triennio 2020/2023.

Per il settore adulti sono stati eletti: Bellanti Giuseppe, Lupo Giusy, Lombardo Antonino, Campagna Giacomo, La Carruba Vincenzo, Tirrito Antonella e Gambino Maria Concetta.

Per il settore giovani eletti: Mangano Emanuele, Lo Cascio Chiara, Traina Pietro, Di Marco Miriam, Vassallo Carmen, Scialabba Domenico e Rizzuto Simona.

Per l’articolazione dei ragazzi: Rubino Giuseppe, Cusimano Marco, Provino Daniela, Meli Valeria, Monti Cristina, Licata Elide e Manno Rita.

I 21 consiglieri eletti si riuniranno giovedì 20 febbraio per nominare la terna che sarà presentata all’Arcivescovo il quale nominerà il presidente diocesano. Successivamente saranno designati i membri della presidenza diocesana.

2. Lectio divina per i giovani in Cattedrale

Giovedì 20 febbraio 2020, alle ore 21, in Cattedrale, l’Arcivescovo, mons Corrado Lorefice detterà una Lectio divina per i giovani. Il prossimo appuntamento con la lectio si svolgerà Giovedì 23 aprile 2020.

NOTIZIE DALLE PARROCCHIE E DALLE ASSOCIAZIONI

1. Marineo si colora di azzurro con gli scout Agesci

Ogni anno la Settimana Internazionale dello Scoutismo viene festeggiata dall’Associazione AGESCI con un incontro dei gruppi scout presenti nel territorio, un incontro in cui ci si diverte giocando e, tramite il gioco, si affronta un tema ritenuto dagli adulti, capi educatori, importante nel contesto storico attuale. In questa settimana si ricorda il “World Thinking Day”, la Giornata del Pensiero, che si celebra il 22 febbraio, giorno della nascita di Robert Baden-Powell, fondatore del movimento scout. Ad ospitare l’incontro è stato Marineo, che ha accolto domenica scorsa più di 600 scout, adulti e giovani, oltre che di Marineo, provenienti dai paesi di Vicari, Bolognetta, Bagheria, Altavilla Milicia, Trabia e Termini Imerese.

“Quest’anno abbiamo deciso di lasciarci guidare dal monito forte e urgente che arriva dall’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco – dicono i capi scout -. L’idea è di trasmettere l’intuizione del Santo Padre di un paradigma orientato verso un’ecologia e uno sviluppo integrali, attraverso un’attività che stimoli i giovani all’immaginazione e, poi, alla costruzione di un ambiente vitale a misura dei loro sogni e delle loro speranze. Il Gruppo AGESCI di Marineo è riconoscente al Paese e a tutti coloro che si stanno impegnando per assicurare uno svolgimento delle attività in sicurezza. Crediamo, inoltre, che questa giornata possa essere un’occasione per rafforzare e sostenere nei ragazzi lo spirito di collaborazione e di fratellanza”.

2. Tornato alla Casa del Padre il dottore Nicolò Piccione

L’Onorevole Dottore Nicolò Piccione, dai più conosciuto come Nino, venerdì 14 febbraio ha concluso la sua esperienza di vita terrena a 94 anni. Uomo di fede, sposo e padre affettuoso di 6 figli. Medico appassionato della sua professione svolta fin dal 1949 nel quartiere della Kalsa, dove specialmente i più bisognosi lo hanno trovato sensibile alle necessità non solo sanitarie, a cui ha cercato sempre di dare risposta.

Da giovanissimo è stato presidente dell’Azione Cattolica di Monreale. Per quaranta anni è stato medico curante dei Cardinali di Palermo Carpino, Pappalardo e De Giorgi. È stato parlamentare regionale DC dal 1976 al 1986 e successivamente impegnato in attività istituzionali dove ha sempre manifestato competenza e testimoniato un alto senso di servizio alla persona, senza cercare tornaconti o interessi personali.

Fondatore e Presidente dell’Associazione Medici Cattolici Italiani a Palermo e in Sicilia, ne è stato presidente fino a maggio scorso.

Già da quando era Arcivescovo a Palermo il Cardinale Salvatore Pappalardo, è iniziato il suo impegnativo servizio come Direttore dell’Ufficio Diocesano di Pastorale della salute, promuovendo la formazione degli Operatori dell’ambito della salute con corsi che sono stati di esempio a chi ha avuto affidato il mandato dopo la conclusione del suo. Tale impegno lo svolse anche a livello regionale. E’ stato responsabile della Consulta delle Associazioni Socio-sanitarie della Conferenza episcopale siciliana.

Si è prodigato con la sua competenza legislativa per la regolamentazione della presenza dei Cappellani ospedalieri nei vari Ospedali della Regione Sicilia, restando Consulente della CESI per tutto quanto riguarda tale ambito. La legge approvata dalla Regione Sicilia è stata modello per altre regioni italiane.

La sua vita è un chiaro e lodevole esempio di laico cattolico, che ha saputo coniugare con impegno la fede cristiana con la vita vissuta in tutti gli ambiti: familiari, professionali, socio-politici.

Molti di coloro che lo hanno frequentato lo ricorderanno come Maestro di pienezza di vita, ringraziando il Signore per averlo incontrato.

La celebrazione delle esequie si è svolta in Cattedrale ed è stata presieduta da Monsignor Vincenzo Manzella, che lo ha ricordato anche come suo docente di Medicina Pastorale, all’Istituto Santo Curato D’Ars, voluto dal Cardinale Ruffini per il giovane clero. La liturgia della Parola ha illuminato il momento doloroso, portando conforto ai familiari tutti e agli amici che numerosi hanno partecipato: “Ai tuoi fedeli, Signore, la vita non è tolta ma trasformata e, mentre si distrugge la dimora di questo esilio terreno, viene preparata una dimora eterna in cielo, dove viene preparata una nuova terra dove non c’è più il dolore né la morte”. Siamo certi che il carissimo defunto alle parole di Gesù “chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno. Credi tu questo?” abbia detto come Marta “Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo”. Prima della conclusione della celebrazione hanno pronunciato un saluto il Sindaco, prof. Leoluca Orlando, il Dottore Raffaele Pomo, attuale Presidente Diocesano e Regionale dell’AMCI, la nipote Chiara.

3. Formazione AMCI su “Missione e Salute”

Secondo incontro dell’AMCI, l’Associazione Medici Cattolici Italiani, martedì 18 febbraio 2020, alle ore 20, nella cappella del Seminario arcivescovile di Palermo della Madonna di monte Uliveto Badia Nuova. Introduce il dr. Paolo Galante, AMCI e don Giovanni Basile detterà un pensiero spirituale. Moderatore dr. Raffaele Pomo, presidente regionale AMCI. Il dr. Damiano Pepe renderà la sua esperienza e testimonianza di un medico in Africa. Relazionerà monsignor Rosario Vella della diocesi di Moramanga in Madagascar.

4. A Termini Imerese si presenta il volume “Cattolici in politica”

Giovedì 20 febbraio 2020, alle ore 17.30, nella Chiesa di Santa Caterina d’Alessandria a Termini Imerese, avrà luogo la presentazione del libro di Rocco Gumina “Cattolici in politica” – Temi, figure e percorsi del Novecento italiano. Edizioni Ave. Introduce don Antonio Todaro, modera Gaetano Catania. Intervengono Rosario Oliveri, assessore al Comune di Lercara Friddi, Giuseppe Notarstefano, vice presidente nazionale Azione Cattolica. Conclude l’autore.

AGENDA DEGLI APPUNTAMENTI

1. Ricollocazione opere d’arte della chiesa della Madonna degli Agonizzanti

Il direttore del Museo Diocesano di Palermo, mons. Giuseppe Randazzo, nei giorni scorsi, su richiesta della Congregazione degli Agonizzanti di Palermo, titolare della chiesa eponima, ha autorizzato la restituzione di alcune opere d’arte di proprietà della chiesa stessa, tenute da alcuni decenni in custodia presso i proprio depositi per motivi di sicurezza.

Si tratta di una coppia di Angeli tedofori in legno dorato della metà del XVIII secolo, che erano stati soggetti a un necessario restauro nel laboratorio del Museo Diocesano di Palermo, diretto da Mauro Sebastianelli, ed erano temporaneamente esposti nella Sala Borremans del Museo.

A questi si aggiunge la tela con la cosiddetta “Impiccagione a piazza Marina”, della metà del Settecento, molto interessante dal punto di vista documentario, perché “fotografa” la cruenta e feroce condanna capitale all’interno del recinto, entro cui sono visibili i confrati della Nobile Compagnia del SS. Crocifisso dei Bianchi, gli unici a poter accedere in quello spazio, e la Madonna degli Agonizzanti che accoglie l’anima del reo pentito.

Quest’ultimo dipinto, proprio per la sua importanza storica era stato in un primo tempo inserito nel percorso museologico delle nuove sale del Museo di prossima apertura dal curatore Pierfrancesco Palazzotto e collegato alla tavola di Simone de Wobreck con Palermo liberata dalla peste (1576) ove è raffigurata la medesima compagnia in processione.

Nell’ottica di conservazione e tutela delle opere d’arte dell’Arcidiocesi il Museo Diocesano di Palermo e l’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi hanno proseguito con il ripristino degli apparati pittorico-devozionali in luoghi sacri ove fossero stati nuovamente garantiti adeguati standard di tutela e conservazione delle opere, secondo il fine preminente della restituzione al culto devozionale e con garanzia di fruizione e custodia.

A Palermo ciò è già avvenuto nelle chiese di S. Cristoforo (1998, 2000: tele di Antonio Manno e scultura lignea del secondo Cinquecento), di S. Antonio Abate di Palermo (2001: apparati pittorici, paramenti e argenti), di S. Eulalia dei Catalani (2002: tela di Gerardo Astorino e tavola cinquecentesca, entrambe con la Madonna di Monserrato) e di Valverde (2005, pala di Pietro Novelli), negli oratori dei Bianchi (2005, Crocifissione di Antonio Manno) e del SS. Rosario in S. Cita (Adorazione dei Magi di Pietro d’Asaro), nelle chiese di S. Nicolò all’Albergheria (2017: due tele settecentesche), della Pinta (2018: tavola cinquecentesca dell’Annunciazione) e del SS. Salvatore  (2016: tavola cinquecentesca con S. Orsola; 2019: due tele di Guglielmo Borremans).

Info Museo Diocesano di Palermo: via Matteo Bonello, 2 (Palazzo Arcivescovile di Palermo), accanto alla Cattedrale – 091/6077303 – 091/6077215 – museo@diocesipa.itwww.museodiocesanopa.it – Facebok: Museo Diocesano di Palermo (mudipa) – Instagram: museodiocesanopalermo #mudipa – Twitter: Museo Diocesano Pa  @MuDiPalermo – Pinterest: Museo Diocesano Palermo Youtube: museo diocesano di palermo

2. “Riconciliare e fare memoria” incontro evangelico di Cultura

Un dialogo ecumenico a partire dal romanzo “Autodafè di Renato Salvaggio, si svolgerà giovedì 20 febbraio 2020, alle ore 18.30 presso la Chiesa Valdese di Palermo.

Intervengono l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice e il Pastore della Chiesa Valdese Peter Ciaccio. Sarà presente l’autore.

 

3. Sul Tgweb si parla della formazione per Clero e laici sulla predicazione

L’omelia, mezzo per avvicinare a Dio, alla Facoltà teologica di Sicilia presentate alcune Figure di Santità tra la diocesi di Palermo e di Monreale ed emanate le linee guide per gli esorcisti. Intervista a padre Benigno Palilla. Sono alcuni dei servizi che questa settimana, propone il Tgweb dell’Arcidiocesi di Palermo, il magazine, ideato e realizzato dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali, con la collaborazione dei Servizi informatici che viene postato il sabato sulla pagina Facebook dell’Arcidiocesi e sul sito dell’Arcidiocesi.

https://www.youtube.com/user/tgwebdiocesipa