Scende il piazza il Movimento “La valigia di cartone”

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Oltre un migliaio di persone hanno preso parte alla manifestazione organizza dal Movimento “La valigia di cartone”, fondato da don Antonio Garau, Parroco della Parrocchia di San Paolo Apostolo e dell’associazione “Giovani 2017 – 3/P” per scongiurare l’esodo di tanti giovani dalla nostra terra e tra questi anche i genitori a sostenere la protesta dei figli. Promuovere l’occupazione giovanile evitando la fuga massiccia del capitale umano all’estero, ripopolare i territori, evitare la rassegnazione di chi parte e la disperazione delle loro famiglie, sono gli obiettivi degli organizzatori della manifestazione pubblica, svoltasi venerdì mattina per sensibilizzare le forze politiche e sociali perché possano ritrovare il collante che metta al centro dell’agenda politica, l’occupazione giovanile nel territorio.

“Continuando questo andazzo, la nostra Sicilia prima o poi rimarrà una terra deserta – afferma don Antonio Garau – e non lo dobbiamo permettere. I giovani non hanno più chi si occupa del loro futuro che deve passare in primo luogo dalla loro terra. La lotta alla mafia si fa promuovendo il lavoro per i nostri giovani, chiediamo pertanto che tutte le forze politiche si uniscano per sviluppare dei progetti credibili. La Chiesa ha il compito importante di illuminare le coscienze nel suo ruolo di guida ma anche quello di essere oggi una autentica forza sociale, voce di chi deve ritrovare la speranza”.

Alla manifestazione erano pure presenti l’Arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice e di Monreale mons. Michele Pennisi, oltre a tanti giovani e genitori che hanno chiesto alle istituzioni garanzie sul futuro. Il corteo che è partito da piazza Verdi ha raggiunto la Presidenza della Regione e l’Università.

”Questa manifestazione è un segno forte di sensibilizzazione al tema che vogliamo portare alla coscienza di tutti – dichiara l’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice – l’obiettivo è di favorire, con un impegno corale, i cammini costruttivi di chi vuole pensare e progettare per mettere a frutto le grandi potenzialità che ci sono in Sicilia. La nostra terra è molto ricca di risorse naturali ma anche culturali e artistiche che vanno valorizzate in una prospettiva lavorativa. Bisogna chiamare allora tutti ad un atto di responsabilità perché le diverse intelligenze possano ritrovarsi, ognuno con le sue competenze, per creare progettualità”.

Per questo il Movimento delle valigie chiede l’interlocuzione dei rappresentanti del mondo dell’imprenditoria e della politica per invertire il trend, chiedendo condizioni migliori affinché si possa dare l’opportunità di restare.

“La Chiesa vuole condividere le angosce, le paure, la mancanza di futuro che è molto presente in Sicilia soprattutto nei nostri giovani – aggiunge l’Arcivescovo di Monreale, mons. Michele Pennisi – da troppo tempo assistiamo ad una processo di abbandono dei giovani dall’Isola soprattutto delle zone interne. Senza giovani la Sicilia non ha futuro”. Lo scorso anno, secondo i dati dell’Anagrafe del Comune di Palermo, sono stati quasi 12.000 i giovani che si sono trasferiti fuori regione, l’11,5 per cento all’estero, il 35,1 per cento in un’altra regione italiana. Il tasso di disoccupazione fra i giovani nel 2018 ha superato il 45 per cento (tra i 18 e i 29 anni) e il 33,3 (fra i 25 e i 34 anni) e molti sono i laureati.